Catawiki, perché l'azienda hi-tech che cresce più al mondo è una casa d'aste | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

E-commerce

Catawiki, perché l’azienda hi-tech che cresce più al mondo è una casa d’aste

09 Feb 2016

Nata nel 2008 in Olanda come “wikipedia” degli appassionati di fumetti, è diventata una piattaforma per la messa all’asta di oggetti di collezionismo, gioielli e auto d’epoca. Ora è premiata da Deloitte come la società internazionale il cui fatturato è cresciuto più rapidamente dal 2011 al 2014. Ecco come ha fatto

I founders di Catawiki
C’è qualcosa di nuovo oggi tra le aziende hi-tech, anzi di antico. La società tecnologica che a livello internazionale ha registrato il più alto tasso di crescita del fatturato dal 2011 al 2014, toccando un incredibile + 45.080%, non è un’azienda che produce robot, o si occupa dell’Internet delle Cose o del clean-tech, ma è una casa d’aste, Catawiki, che vende in prevalenza oggetti vintage e per collezionisti quali vino, fumetti rari, gioielli, monete, dischi, minerali, oggetti di design, auto d’epoca. Il tutto online, naturalmente.

A consacrarla a numero uno assoluto dell’area Emea (più di venti Paesi in Europa, Medio Oriente e Africa) è stata la quindicesima edizione della “Technology Fast 500 Emea”, una delle più autorevoli classifiche nel settore tecnologico impegnata a premiare gli sforzi e la dedizione di startup e aziende che hanno registrato il più alto tasso di crescita dei ricavi negli ultimi 4 anni.

Una sorpresa, forse, per quelli che pensano che il business risieda solo ed esclusivamente nelle tecnologie innovative. Nel caso di Catawiki l’idea è vecchia quasi come il mondo – rivendere oggetti usati, sia pur pregiati – e la tecnologia utilizzata è essenzialmente Internet.

Chissà se nel 2008, quando Catawiki è nata ad Assen, in Olanda, i suoi fondatori, René Schoenmakers, un collezionista di fumetti, e Marco Jansen, uno sviluppatore, si sono resi conto di avere tra le mani un cavallo da corsa in grado di galoppare a una velocità vertiginosa. Va detto che la startup era partita con un modello di business molto diverso: all’inizio era una comunità online per collezionisti che si alimentava attraverso il crowdsourcing degli utenti, focalizzata solo sui fumetti. In seguito nel database sono stati inclusi francobolli, monete e carte telefoniche. Una sorta di wikipedia degli amanti delle collezioni, insomma, infatti il nome è un mix tra le parole “catalogue” e “wikipedia”.

La svolta verso un modello di business redditizio è arrivata tre anni dopo, nel 2011, quando Catawiki ha cominciato a mettere all’asta migliaia di oggetti diversi. Originariamente in olandese, il sito è diventato disponibile in inglese nel 2011, in francese e tedesco nel 2012 e in italiano, spagnolo e cinese nel 2015.

Negli anni si è data da fare per fronteggiare il suo principale rivale, il colosso dell’e-commerce eBay, puntando su una nicchia di oggetti antichi, rari e pregiati. Gradualmente è riuscita ad attrarre l’attenzione dei grandi investitori: a settembre 2014 ha raccolto 10 milioni di euro in un round di finanziamenti guidato da Accel Partners, società di venture capital della Silicon Valley che ha investito in passato anche in Facebook e Spotify. A luglio 2015 un colpo ancora più grosso: ha ottenuto 75 milioni di euro in un round guidato da Lead Edge Capital, investitore con sede a New York che, tra gli altri, ha anche supportato la crescita del gigante cinese dell’e-commerce Alibaba e dell’unicorno europeo Delivery Hero.

Catawiki mette in vendita ogni settimana circa 25 mila lotti, le aste settimanali sono un centinaio, ha 12 milioni di visitatori al mese e si avvale della consulenza di 140 esperti. Tutti gli oggetti possono avere differenti prezzi di riserva, ma ogni asta viene battuta a un euro per incoraggiare le persone a fare un’offerta. Le commissioni sono pari al 9% più le tasse pagate dall’acquirente e il 12,5% dal venditore, 20% in modo combinato. 

di Luciana Maci

  • Romolo

    Ho vinto all’asta un piatto di ceramica pagato regolarmente ma mai ricevuto. La motivazione : prezzo troppo basso . Ma come è possibile ???? Non esisteva prezzo di riserva . Catawiki mi deve tutelare .

  • trintillina

    Ho venduto un lotto,mi affido sempre alle spedizioni affiliate Catawiki,così evito di anticipare i soldi di spedizione, Questo significa che una volta che il compratore paga l’oggetto e la spedizione,nella cronologia ordine si possono scaricare le ETICHETTE da allegare al pacco per la spedizione e la distinta di imballaggio da inserire dentro, in un menu a tendina si puo scegliere in che giorno far passare il corriere per ritirare il pacco (entro 3 gg dal pagamento) e spedirlo.. . Ma se le ETICHETTE nn vengono generate???? Apro la cronologia ordine ma non trovo le etichette da scaricare,dilemma!..Chiamo gentilmente Catawiki e chiedo spiegazioni..dopo 10 minuti di attesa riprende la conversazione e mi viene spiegato che devo cavarmela da sola per quanto riguarda la spedizione. PREMETTO CHE QUESTO COMPRATORE è GIAPPONESE,tutti sanno che spedire in Giappone oltre ad essere molto costoso è anche veramente complicato. Mi arrabbio e spiego che in questo momento non sono nella situazione da poter anticipare 90 euro di spedizione e che non me la sento di spedire il pacco in totale autonomia per paura che qualcosa possa andare storto..di conseguenza non verrei pagata, se invece volessi inviare un pacco assicurato la spedizione mi costerebbe piu di 90 euro e cmq in quel caso nessuno mi rimborserebbe la differenza perchè il compratore ha già pagato.SPECIFICO che Catawiki paga i venditori solo dopo 15gg e nel primo mercoledi. Quindi il venditore nn riceve il denaro prima di quel tempo e sempre se la spedizione va a buon fine. NON FIDATEVI DI QUESTA PIATTAFORMA. NN VERRETE MAI TUTELATI ED ASCOLTATI ANCHE SE IL PROBLEMA PER CUI RECLAMATE NN è STATO CAUSATO DA VOI.

  • Anonimo

    truffatori

  • Claudia

    Faccio da anni acquisiti e venduto di tutto su questa piattaforma, senza mai avere avuto problemi. Anche a me è successo di dover anticipare soldi per la spedizione, nonostante l’acquirente l’avesse già pagata, ma mi sono sempre stati restituiti regolarmente. Questo succede perché Catawiki Italia ancora si sta organizzando con le spedizioni in determinati paesi. Lo stesso problema riguarda la generazione fallita delle etichette: questioni di perfezionamento del sito che a volte fa ancora cilecca. In questi casi basta informare Catawiki, che nel giro di qualche ora manda l’etichetta. Inoltre, sono sempre stata pagata regolarmente per tutte le vendite. Sta al venditore comportarsi in modo onesto per acquisire credibilità fra i clienti di tutto il mondo. Lo stesso dicasi per l’acquirente, che purtroppo a volte è talmente pigro e pretenzioso che a volte si rifiuta di prenotare online una seconda consegna perché magari non è stato trovato a casa. Ecco perché alcuni lotti non vengono ricevuti: se il pacco non è reclamato dall’acquirente, finita la giacenza, questo torna indietro.

Articoli correlati