Cremonini si mangia Manzotin che così resta italiana | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Acquisizioni

Cremonini si mangia Manzotin che così resta italiana

29 Gen 2016

Inalca, società del gruppo attivo nella produzione di carni bovine, ha rilevato lo storico marchio di carni in scatola da Generale Conserve, azienda italiana specializzata in conserve alimentari, tra cui il tonno Asdomar. L’operazione garantisce che il brand resti made in Italy

Inalca, società del Gruppo Cremonini, attivo nella produzione di carni bovine, ha rilevato Manzotin, storico marchio di carni in scatola, da Generale Conserve, azienda italiana specializzata in conserve alimentari, tra cui il tonno Asdomar. Manzotin, lanciato negli anni ’60, è un brand che ha oltre 50 anni di storia nelle carni in scatola italiane.

Vito Gulli (Asdomar): “Ho portato la produzione del tonno in Italia e creato lavoro: eppure mi davano del pazzo”

L’acquisizione garantisce che il marchio Manzotin continui ad essere un brand made in Italy a tutti gli effetti. Da un punto di vista produttivo, le due aziende confermano che il passaggio rappresenta la valorizzazione e l’ottimizzazione della concentrazione delle rispettive filiere verticali. L’esecuzione finale dell’accordo, che non ha richiesto approfondimenti da parte dell’Antitrust, è prevista entro il mese di marzo.

Inalca nel 2014 ha realizzato ricavi per 1,49 miliardi di euro, di cui il 50% realizzato all’estero. È presente a livello internazionale con 11 impianti produttivi (di cui 6 in Italia, 2 in Russia, 2 in Angola, 1 in Algeria) e 21 piattaforme logistiche di distribuzione (6 in Russia, 4 in Angola, 3 in Algeria, 3 in Congo, 3 nella Repubblica Democratica del Congo, 1 in Mozambico, 1 in Costa d’Avorio). Commercializza ogni anno oltre 500 mila tonnellate di carne, produce 100 mila tonnellate di hamburger, 200 milioni di scatolette, con 7.200 referenze di prodotto e 3.000 dipendenti.

Generale Conserve, seconda azienda del mercato del tonno in olio con quasi il 17% di quota in valore, ha chiuso il 2015 con un fatturato netto di 187 milioni di euro, registrando un incremento rispetto agli anni precedenti. Il fatturato dell’azienda è sviluppato per il 60% circa da marchi propri (Asdomar, ai vertici del mercato premium, detiene una quota in valore nel mercato totale del tonno in olio di circa il 7%) e per il restante 40% da private label. A dicembre 2013 il marchio agro-alimentare italiano, De Rica, è entrato a far parte del portafoglio di Generale Conserve, con l’obiettivo di gestirne l’intera filiera produttiva, così come realizzato per il marchio Asdomar.

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati