Medtech, 6 milioni per la startup britannica Alesi Surgical | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Investimenti

Medtech, 6 milioni per la startup britannica Alesi Surgical



La società ha realizzato un innovativo dispositivo chirurgico non invasivo. Al round di finanziamento ha partecipato il fondo italiano Panakès Partner insieme a Early Bird, IP Group e Finance Wales Limited. I fondi raccolti saranno utilizzati per guidare l’espansione commerciale

di Redazione EconomyUp

08 Giu 2017


Quarto investimento per Panakés Partner, fondo italiano di venture capital focalizzato su investimenti e startup innovative in ambito medtech in Europa e Israele. Il veicolo finanziario guidato da Diana Saraceni ha annunciato la partecipazione ad un un round di investimento da 6 milioni di euro in Alesi Surgical, startup britannica che ha sviluppato Ultravision un dispositivo chirurgico innovativo non invasivo.

All’investimento hanno preso parte anche Earlybird, come nuovo azionista, e i precedenti azionisti IP Group plc e Finance Wales Limited. I fondi raccolti saranno utilizzati per guidare l’espansione commerciale di Alesi Surgical e Ultravision negli Stati Uniti e in altri mercati chiave in tutto il mondo e per intraprendere ulteriori ricerche e sviluppi attorno alla nuova tecnologia Ultravision.

WHITEPAPER
Design Thinking: come aiuta le aziende ad aumentare la capacità innovativa?
CIO
Open Innovation

«Siamo lieti di sostenere lo sviluppo di Alesi – ha commentato Alessio Beverina, partner di Panakes – la sua tecnologia brevettata è una soluzione intelligente e semplice per un importante problema di chirurghi laparoscopici e infermieri in sala operatoria, sia in operazioni standard che robotiche. L’intera pipeline di ricerca e sviluppo di Alesi promette di essere un game changer nel settore».

Continua a leggere su Startupbusiness

Redazione EconomyUp