Storytelling per l'innovazione: così Roche cerca un linguaggio comune tra IT e Business | Economyup

STARTUP INTELLIGENCE

Storytelling per l’innovazione: così Roche cerca un linguaggio comune tra IT e Business



Sviluppare un linguaggio condiviso tra IT e Business: con questo obiettivo Roche, ispirata dal Workshop Storytelling per l’innovazione dell’Osservatorio Startup Intelligence del Polimi, ha avviato un progetto worldwide per lavorare su storytelling e lean presentation design. Ecco come è andata

di Eliana Bentivegna

29 Gen 2021


Roche

Roche è un gruppo internazionale pionieristico nella farmaceutica e nella diagnostica dedicato al progresso della scienza per migliorare la vita delle persone. Fortemente orientata alla ricerca, Roche scopre, sviluppa e distribuisce prodotti diagnostici e farmaci innovativi che offrono significativi benefici ai pazienti dove non ci sono altre soluzioni o dove quelle esistenti non sono più sufficienti.

Roche conta oltre 88.500 dipendenti e i suoi prodotti sono presenti in più di 150 Paesi. In Italia conta ad oggi circa 700 dipendenti e un fatturato complessivo di 901 milioni di euro al 31 dicembre 2019.

Come per molte altre aziende, anche per Roche l’esigenza di un linguaggio condiviso tra IT e Business è prioritaria per sviluppare innovazione in un settore oggi decisamente al centro della trasformazione digitale.

“Per questo motivo abbiamo trovato molto interessante il Workshop Storytelling per l’innovazione dello Startup Intelligence”, spiega Daniele Panigati, CIO Italy and South Europe di Roche Pharma, che aggiunge: “In quell’occasione abbiamo conosciuto Maurizio La Cava, che abbiamo successivamente coinvolto in un progetto aziendale worldwide”. Il Workshop dell’Osservatorio Startup Intelligence del 14 novembre 2019, cui ha preso parte la community di partner dell’Osservatorio, ha infatti visto come guest speaker La Cava, CEO e Co-Founder di MLC Presentation Design Consulting, nonché Associate Professor del Politecnico di Milano.

Panigati e La Cava hanno progettato insieme una giornata virtuale, che ha riprodotto la dinamica del workshop dell’Osservatorio Startup Intelligence, con l’obiettivo di condividere con 25 persone dell’IT worldwide contenuti di storytelling e di lean presentation design. “La giornata, inizialmente pensata in presenza, è stata poi traslata online a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria”, spiega La Cava, che continua: “Sebbene si trattasse di un primo esperimento per tutti, abbiamo deciso di mantenere un format estremamente interattivo”. I partecipanti hanno seguito una sessione plenaria mattutina dedicata al tema dello storytelling per idee di business e alla descrizione dei brief su cui si sarebbero dovuti cimentare nel lavoro di gruppo del pomeriggio: Leverage digital to enhance stakeholder experience e Augmented products: differentiate core products with digital solution. Nella sessione pomeridiana sono stati suddivisi in gruppi di 5 membri ciascuno e hanno lavorato sui brief assegnati, sviluppando nuove modalità di raccontare l’innovazione per valorizzare i benefici per le Service Line.

“Ci siamo poi riuniti nuovamente in sessione plenaria per i pitch di presentazione dei risultati del lavoro di gruppo e per le votazioni. Un elemento importante dell’attività è stata la selezione dello speaker di ciascun team solo al momento del pitch: questo ha sicuramente contribuito a lavorare in maniera diversa all’interno del gruppo”, sottolinea Maurizio. Ogni pitch, della durata di 5 minuti, è stato valutato dagli altri gruppi, dando così la possibilità a ciascun partecipante di essere contemporaneamente giurato e storyteller, ma anche da una giuria composta da Panigati, Maurizio De Cicco, President, Managing Director & General Manager di Roche Italia, e Shaun Davis, Informatics Head of Spain, Italy, South, Central & Eastern Europe, Russia, Turkey and India.

“Il focus della giornata sullo storytelling ci ha permesso di parlare delle cose di cui discutiamo quotidianamente in maniera del tutto diversa, proprio quello che voleva essere l’obiettivo di questa sessione. Abbiamo inoltre ricevuto feedback positivi dai partecipanti che, nonostante la distanza fisica, hanno vissuto l’esperienza come se si trovassero tutti nella stessa stanza!”, ha commentato Daniele.

Il progetto si concluderà effettivamente nei prossimi mesi, in cui i partecipanti avranno la possibilità di pianificare incontri one-to-one con il coach Maurizio La Cava.

Eliana Bentivegna
Osservatorio Startup Intelligence - Osservatorio Design Thinking for Business