Montagnese (Intesa Sanpaolo): i numeri e gli obiettivi dell'Innovation Center | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

#SharingInnovation

Montagnese (Intesa Sanpaolo): i numeri e gli obiettivi dell’Innovation Center



Con il Chief Innovation Officer comincia un viaggio nelle attività del team ospitato al 31° piano del Centro Direzionale di Torino: un centinaio di specialisti dell’innovazione al lavoro per “recuperare nuove fonti di ricavo”. «Nel 2017 ci concentreremo su salute e benessere e su Industria4.0»

di Giovanni Iozzia

03 Mar 2017


Scoprire nuove fonti di business. È l’obiettivo molto concreto dell’Innovation Center di Intesa Sanpaolo, ospitato al 31° piano del Centro Direzione di Torino, dove lavorano un centinaio di specialisti dell’innovazione per esplorare le tendenze dell’innovazione nell’industria dei servizi finanziari, ma non solo. EconomyUp ha fatto un viaggio fra i team dell’Innovation Center. Prima tappa, ovviamente, l’ufficio di Maurizio Montagnese, Chief Innovation Officer del primo gruppo bancario italiano, che nell’intervista racconta com’è nato il centro, con quali obiettivi lavora e su quali priorità si concentrerà nel corso del 2017

 

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.