Luxury, a Dubai un master per futuri manager del lusso in partnership con il MIP | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

EDUCATION

Luxury, a Dubai un master per futuri manager del lusso in partnership con il MIP

17 Set 2018

Nel 2019 partirà il primo Global Executive Master in Luxury Management realizzato dall’Università di Wollogong, ateneo straniero della città emiratina, con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano. Pensato per professionisti che già lavorano, si svolgerà tra Dubai e l’Europa. Ecco come funzionerà

A Dubai i manager del lusso impareranno dagli innovatori e dai creativi italiani. L’Università di Wollogong, principale ateneo straniero della città degli Emirati Arabi Uniti, ha annunciato una partnership con la Graduate School of Business (MIP) del Politecnico di Milano: il primo Global Executive Master in Luxury Management (GEMLUX). In partenza nel 2019, il corso – 12 mesi part-time per consentire ai professionisti che lavorano di prendere parte al programma – offrirà esperienze e conoscenze nella gestione complessiva dei marchi di lusso, consentendo agli studenti di trascorrere periodi nelle più importanti capitali del lusso del mondo.

COME FUNZIONERÀ IL GLOBAL EXECUTIVE MASTER IN LUXURY MANAGEMENT

Il master ha un formato che permette la partecipazione degli executive, ovvero persone che lavorano e che vogliono mantenere il loro lavoro. “Sono già 12 anni che come MIP eroghiamo percorsi formativi nel luxury management – spiega il professor Alessandro Brun, direttore del master GEMLUX – ma è la prima volta che ci rivolgiamo a executive con una certa esperienza. Il master verrà svolto a Dubai perché oggi è una delle principali capitali del luxury shopping, ma avrà importanti sessioni anche a Milano, che rimane la capitale del lusso e del design, a Ginevra e a Parigi, per visitare alcune aziende di eccellenza e parlare con il loro top management, favorendo una formazione basata sull’esperienza. Non si tratta infatti solo di moda, ma anche di orologi, gioielli, yacht, automobili, pelletteria, profumi, settori in cui esistono straordinarie competenze nella manifattura, nel design e nel marketing, ma spesso non nel management. Noi, come business school di una scuola politecnica, possiamo offrire invece una formazione che copre tutta la filiera produttiva e include operations, supply chain, distribuzione, retail, marketing”.

A chi è destinato il master

In prevalenza il target di riferimento sono persone che vivono e lavorano nei Paesi del Golfo, ma in realtà il master è internazionale, quindi potenzialmente aperto a partecipanti provenienti da qualsiasi parte del mondo. Chi non vive e lavora nei Paesi del Golfo e vuole parteciparvi dovrà pagarsi la permanenza a Dubai. Per le tappe in Europa (Milano, Parigi e Ginevra) il costo di permanenza (vitto e alloggio) è invece incluso nella fee di partecipazione. “Mi aspetto un 80% o 90% di partecipanti che proverranno da Dubai e Paesi del Golfo” dice il responsabile del master,  Alessandro Brun.

Come è strutturato il master

Cinque moduli di insegnamento si svolgeranno a Dubai. Poi ci saranno quattro moduli itineranti, di cui due a Milano. I corsi nel capoluogo lombardo  potrebbero includere day-trip a Firenze o in altri luoghi italiani per avere un contatto con le aziende, fabbriche, showroom, fondazioni e incontri con i manager che racconteranno in una prospettiva molto pragmatica i loro problemi e le loro soluzioni. Al lusso italiano saranno affiancati altri settori: per il mondo dell’orologio, per esempio, è previsto un viaggio in Svizzera in partnership con aziende svizzere. L’ultima settimana sarà a Parigi, dove i partecipanti al master potranno studiare il lusso francese con declinazioni particolare: gli shopping nei flasgship store e nei department store. “È rivolto a laureati con esperienza. Crediamo – spiega il professor Brun – che ci siano tre modi di apprendere: il rapporto quasi maieutico col docente, il rapporto con le aziende e la condivisione di esperienze tra i partecipanti. Nel calendario di ogni giornata ci sarà spazio per momenti di riflessione. Se portiamo persone con esperienza, ogni cena o viaggio in  hotel è un’esperienza di apprendimento”.

Dove si terrà il master

I corsi a Dubai si terranno presso il campus dell’Università australiana di Wollongong a Dubai (UOWD), una delle più prestigiose e lungimiranti del Medio Oriente. E’ stato il primo Ateneo  estero ad aprire a Dubai e continua ad essere il più grande.

Quando si terrà il master

Il Global Executive Master in Luxury Management è in partenza nella primavera del 2019. La durata è di un anno solare. Sono previsti momenti in aula per un totale di 9 settimane nell’arco di 12 mesi solari.

MASTER IN LUXURY MANAGEMENT: GLI INCONTRI

I partecipanti al master avranno l’occasione di incontrare alcuni dei protagonisti del mondo del luxury. Tra questi potrebbe esserci Santo Versace, che ha preso parte alla presentazione ufficiale dell’iniziativa venerdì 14 settembre nella sede del MIP a Milano. “È corretto – ha detto presidente di Gianni Versace Spa e presidente e fondatore di Fondazione Altagamma – che siamo noi italiani a insegnare al mondo come si gestiscono i prodotti d’alta gamma: chi vuole lavorare in questo settore deve conoscere bene l’Italia e l’italiano, perché l’Italia è la patria della bellezza. Il lusso invece può essere anche brutto e volgare, e qualche volta lo è. Tutti vogliono il bello – ha proseguito Santo Versace – e noi italiani siamo degli scopritori e degli esploratori, come un tempo lo furono Amerigo Vespucci o Cristoforo Colombo. Il mondo del luxury, in particolare, è un mondo di innovatori, di gente che ha usato tutte le risorse a sua disposizione per coniugare creatività e innovazione”.

“Non solo Versace – ha aggiunto Alessandro Brun  – ma tutte le aziende di questo settore che hanno bisogno di competenze manageriali devono pescare da fuori, perché all’interno non si possono creare e perché è un settore che è rimasto molto autoreferenziale”. Quindi abbiamo numerose aziende che fortunatamente bussano alla nostra porta e fanno i colloqui. Poi sta ovviamente alla capacità dello studente di superare gli altri competitor”.

“UOWD è entusiasta di collaborare con il MIP per sviluppare il luxury brand management negli Emirati Arabi Uniti – ha commentato Alex Frino, vice-cancelliere dell’Università di Wollongong -: questa iniziativa riconosce il significato commerciale e culturale del mercato del lusso in Medio Oriente e prevediamo che sarà estremamente utile per i professionisti che operano non solo nella moda, ma anche nel mondo delle automobili, nella nautica, nei gioielli”.

Anche Andrea Sianesi, Dean del MIP, ha sottolineato l’importanza di questa partnership strategica: “Siamo lieti di collaborare con l’Università di Wollongong Dubai, perché questa collaborazione ci offre la possibilità di ottenere utili informazioni sull’educazione nella regione del Golfo e di creare nuove sinergie nel campo della gestione del lusso”.

Articoli correlati