EVENTI INNOVAZIONE

La più grande delegazione italiana in Silicon Valley, dal 22 maggio Smau San Francisco con Italian Trade Agency

Dal 22 al 25 maggio è in programma Smau San Francisco, che porterà dall’Italia in Silicon Valley 154 persone tra startup, imprese, abilitatori e istituzioni. Teatro della manifestazione californiana sarà INNOVIT – Italian Innovation and Culture Hub. Ecco il programma

Pubblicato il 16 Mag 2023

San Francisco

Sarà la più grande delegazione italiana in Silicon Valley: 154 persone tra startup, imprese, abilitatori e istituzioni. A portarla nel centro mondiale dell’innovazione, dal 22 al 25 maggio, Smau e ITA – Italian Trade Agency.

Assieme a corporate e startup, partecipano ai lavori anche cinque regioni italiane oggi tra le più dinamiche sul fronte dell’innovazione e startup: Regione Campania, Puglia, Emilia-Romagna, Lazio e Marche, ciascuna presente con una propria delegazione di imprese innovative.

Con un valore stimato di 2 trilioni di dollari contro la media globale di 28,6 miliardi, la Silicon Valley si conferma il primo ecosistema produttore di startup nel mondo: è quanto emerge dall’ultimo Global Startup Ecosystem Report redatto da Startup Genome.

Smau San Francisco a Innovit

Teatro della manifestazione californiana sarà INNOVIT – Italian Innovation and Culture Hub, distretto tecnologico da poco inaugurato, con sede in un edificio storico nel cuore del centro finanziario della città, e hub strategico per la promozione dell’ecosistema economico, scientifico e culturale nostrano negli Stati Uniti.

“L’obiettivo di Smau San Francisco è favorire la nascita di una relazione continuativa tra Italia e Silicon Valley, volta alla valorizzazione delle migliori soluzioni innovative capaci di rispondere alle più grandi sfide del nostro tempo”, dichiara Pierantonio Macola, Presidente di Smau.

INNOVIT – nato nel 2021 su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e in collaborazione con ICE-Agenzia e con l’Istituto italiano di cultura – rappresenta il primo Hub italiano in Silicon Valley, che funge da vetrina per la promozione integrata del Sistema Paese, ma anche da facilitatore per l’accesso a servizi specializzati, capitali e networking per l’intero ecosistema italiano dell’innovazione nel mercato statunitense”, ricorda Alessandra Rainaldi, Direttrice di ICE Los Angeles . “Pertanto, è il luogo giusto – – dove presentare le tante idee e iniziative imprenditoriali innovative selezionate da SMAU ed ICE-Agenzia, nel quadro della tradizionale partnership che ci affianca da anni, su cui il nostro ufficio e l’intera rete ICE-Agenzia negli USA saprà garantire il consueto supporto, affinché possano trovare adeguata accelerazione e accompagnamento nel mercato statunitense”.

L’incontro tra startup, aziende italiane e digital company

Il calendario della manifestazione partirà il 22 maggio con il ricevimento serale presso il Consolato italiano a San Francisco. Il giorno successivo, a INNOVIT – Italian Innovation and Culture Hub, le 44 startup avranno l’opportunità di incontrare il pubblico di innovatori presenti interessati a intessere relazioni e partnership commerciali tra panel tematici e incontri one-to-one.

Il terzo e il quarto giorno saranno dedicati al tour dei luoghi dell’innovazione di San Francisco e della Silicon Valley che prevede visite a Stanford, 500 Global, Apple, Google, Cisco, SAP e Mind the Bridge.

Ispirandosi ai principi dell’Open Innovation, a Smau San Francisco sarà favorito l’incontro  tra le 44 startup presenti e le imprese dell’ecosistema italiano (tra cui Enel, Eni, Edison, Intesa Sanpaolo, Snam e Terna) con i maggiori player del mercato internazionale – grandi aziende (Amazon, Apple, Cisco, Google, Meta, Microsoft, Tesla, Uber), incubatori, acceleratori e investitori – con l’obiettivo di promuovere le migliori idee innovative provenienti dai mondi dell’intelligenza artificiale, Internet of Things, efficientamento energetico, mobilità elettrica, Web3, blockchain, cybersecurity.

Le startup presenti

A Smau San Francisco saranno presenti 44 startup italiane, tra cui:
la romana Bufaga che, attraverso un dispositivo installato sul tetto dei veicoli cattura e ricicla l’aria inquinata;
l’anconetana Olivia che, con il suo software proprietario fornisce previsioni di domanda per i ristoratori con l’obiettivo di ridurre al minimo gli sprechi alimentari;
la tarantina Asymmetrica, che prevede e fornisce soluzioni ai problemi tipici dei contesti urbani tramite una tecnologia a base di machine learning che analizza migliaia di video, comportamenti umani e oggetti in tempo reale;
la bolognese Elevit, che progetta tastiere e pulsanti touch di design in vetro decorato;
la napoletana Cyberneid, che fonde intelligenza artificiale e identità elettronica per la firma dei documenti e un sistema di verifica dell’identità;
la bolognese MyLime, che crea passaporti digitali per prodotti fisici sfruttando la tecnologia blockchain per tracciare sistemi e componenti originali;
la milanese Flowtech, ideatrice della prima tecnologia di intelligenza artificiale capace di coniugare la comprensione degli aspetti logici con la comprensione di quelli emotivi, per fornire un’innovativa visione olistica dell’essere umano.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

E
Redazione EconomyUp
email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 2