Digital360 in Borsa, l'inizio di una nuova fase (e non solo per noi) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL TRANSFORMATION

Digital360 in Borsa, l’inizio di una nuova fase (e non solo per noi)



L’accoglienza positiva del titolo, quotato all’AIM dal 13 giugno, è un segnale dei tempi: la consapevolezza che solo una efficace trasformazione digitale possa garantire la crescita e, quindi il futuro, anche in Italia, è notevolmente aumentata. Il momento del cambiamento è questo…

di Andrea Rangone, CEO Digital360

22 Giu 2017


Che emozione quando ho suonato la campanella in Piazza Affari! Da martedì 13 giugno Digital360 è quotata all’AIM di Milano, il listino di Borsa italiana dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita. Il debutto è stato entusiasmante, visto anche il ritmo delle contrattazioni sul titolo. Non potevamo aspettarci di meglio, ma non è di questo che voglio parlarvi.

Il collocamento non è certo un punto di arrivo, ma l’inizio di una nuova importantissima fase per il nostro Gruppo. E non solo. Provo a spiegarmi. Il lavoro fatto in questi ultimi anni è la sintesi di un percorso cominciato due decenni fa, nell’ambito della ricerca – con la fondazione degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano – quando ad occuparci di “Digitale” eravamo in pochi. Da allora, il quadro è cambiato profondamente. La consapevolezza che solo una efficace trasformazione digitale del Paese ne può garantire la crescita e, quindi, il futuro, è notevolmente aumentata. Le imprese, tutte e in tutti i settori, si stanno interrogando sull’impatto delle tecnologie digitali sul loro business e persino sul modello di business; la Pubblica Amministrazione sta facendo sforzi importanti per “svecchiarsi” e migliorare il livello di servizio ai cittadini e alle aziende; nascono moltissime nuove imprese, le cosiddette startup, in grado per la loro stessa natura di essere dirompenti. Insomma, avevamo visto bene. E anche per questo, strada facendo, abbiamo aggregato energie, competenze, visioni: un team eccellente che ho il piacere e l’onore di contribuire a guidare.

L’accoglienza in Borsa del titolo Digital360 voglio quindi leggerla come un segno, bello, in questi tempi difficili di trasformazione. Ecco, al di là delle logiche finanziarie, voglio pensare che anche chi investe abbia compreso che il momento è questo. Che il futuro è e sarà sempre di più digitale. E che questo futuro stiamo contribuendo a costruirlo anche noi di Digital360.

 

Andrea Rangone, CEO Digital360

Da due decenni attento osservatore e analista delle tecnologie digitali e dei processi di trasformazione digitale, è co-founder degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano