Bioinformatica, 10 milioni di investimenti grazie ai progressi nella ricerca - Economyup

INNOVATION RADAR

Bioinformatica, 10 milioni di investimenti grazie ai progressi nella ricerca



La bioinformatica è un’area di ricerca interdisciplinare che si occupa di sviluppare nuovi algoritmi, metodologie e strumenti software per l’analisi di dati biologici. Gli investitori internazionali sono attratti dal settore. Il caso delle “mappe spaziali” del cervello individuate dalla Harvard Medical School

di Alessandro Arrigo, Angelo Cavallini

28 Ott 2022

Bioinformatica

Un nuovo fenomeno cresce nell’attenzione degli investitori negli ultimi tre mesi: la bioinformatica.

Secondo la definizione di ICAR CNR, la bioinformatica è un’area di ricerca interdisciplinare che si occupa di sviluppare nuovi algoritmi, metodologie e strumenti software per l’analisi di dati biologici.

Negli ultimi tre mesi gli investitori hanno messo gli occhi su chi fa bioinformatica nel mondo: si sono registrati investimenti per 10 milioni di dollari in due realtà innovative impegnate nel settore, 5 milioni per ciascuna.

La scoperta sulle mappe spaziali del cervello

Questo perché la ricerca sta avanzando su questo fronte. Un esempio? Un gruppo di scienziati, attraverso una collaborazione multi-laboratorio all’interno del Blavatnik Institute della Harvard Medical School, hanno fatto un importante progresso verso la comprensione dei meccanismi molecolari coinvolti nella creazione di mappe spaziali nel cervello.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità

Il nuovo studio, condotto sui topi e pubblicato il 24 agosto su Nature, stabilisce che un gene chiamato Fos è un attore chiave nella mappatura spaziale, aiutando il cervello a utilizzare cellule di navigazione specializzate per formare e mantenere rappresentazioni stabili dell’ambiente.

“Questa ricerca si collega attraverso i diversi livelli di comprensione per creare un collegamento piuttosto diretto tra le molecole e la funzione dei circuiti per il comportamento e la memoria”, ha detto l’autore Christopher Harvey, professore associato di neurobiologia presso HMS. “Qui possiamo capire cosa c’è effettivamente alla base della formazione e della stabilità delle mappe spaziali”.

Se i risultati saranno applicabili agli esseri umani, potranno fornire nuove informazioni cruciali su come il nostro cervello costruisce mappe spaziali. Alla fine, questa conoscenza potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio cosa succede quando questo processo si interrompe, come spesso accade a causa di lesioni cerebrali o neurodegenerazione.

Quali sono i temi di innovazione digitale di tendenza sulla scena internazionale? Come se ne parla? In questa rubrica trovate il più “caldo” della settimana, con gli articoli che meglio lo raccontano, individuati grazie al lavoro fatto per EconomyUp da uno speciale radar: il software QuSeed sviluppato da Startup Bakery, che analizza oltre 1000 fonti web internazionali sintetizzate nell’indice IDR ed elabora i dati di investimento raccolti da Crunchbase (qui potete leggere i dettagli del metodo di analisi).

Alessandro Arrigo

Con oltre 10 anni di esperienza nel Digital Consulting, Alessandro Arrigo è CEO di Startup Bakery e Partner di Datrix Group Spa, Business Angel e imprenditore nelle settore dell'AI. È…

Angelo Cavallini

È Chief Operating Officer di Startup Bakery. Ha alle spalle un’esperienza decennale nello sviluppo di applicazioni web e nel disegno di architetture Big Data nei settori digital (3rdPlace) e farmaceutico…