Stocard, perché una startup tedesca sceglie il mercato italiano per crescere - Economyup

Nuovi player

Stocard, perché una startup tedesca sceglie il mercato italiano per crescere



La società ha aperto un ufficio a Roma, guidato da Valeria Santoro che arriva da Google: «La nostra app permette di memorizzare le carte fedeltà su smartphone ed è già usata da 2 milioni di italiani. Tra i 200 clienti Carrefour, Esselunga e Media. Ora puntiamo al mobile payment»

di Concetta Desando

17 Ott 2016


Valeria Santoro, General Manager Italia di Stocard
Conquistare il mercato italiano puntando su famiglia e risparmio. C’è l’Italia tra gli obiettivi internazionali di Stocard, startup tedesca che ha ideato un’app che consente di memorizzare tutte le carte fedeltà nel proprio smartphone. Fondata a Mannheim nel 2011 da da David Handlos, Florian Barth e Björn Goss, Stocard trova già un terreno fertile nel nostro Paese: 2 milioni gli italiani che già utilizzano l’app (soprattutto nuclei famigliari interessati a raccogliere punti o a risparmiare) e 200 le marche, tra cui Carrefour, Esselunga e Media World, fra i clienti della società. Numeri, questi, che hanno convinto l’app wallet tedesca a guardare con interesse al mercato italiano, oltre a quello australiano, per il suo programma di internazionalizzazione.

Alla guida del nuovo ufficio internazionale Stocard con sede a Roma c’è Valeria Santoro. Romana, 41 anni, Valeria Santoro ha una laurea in scienze politiche ed economia internazionale, un master in marketing management e uno in analisi dei dati di vendita, diverse esperienze fra ambiti tech, mobile e startup. Ha lavorato prima per Nokia dove acquisito tutte le skill utili in ambito mobile, poi per Google. E di quell’esperienza racconta: “E’ un ambiente fresco, dinamico, frizzante. Un’azienda dove gli ingegneri camminano a piedi scalzi perché non conta come sei, ma quanto vali e quello che produci”. Poi si avvicina al mondo delle startup e lavora per DoveConviene, piattaforma digitale che informa su promozioni e prodotti dei negozi vicino a casa, grazie alla quale ha acquisito competenze sull’advertising online e mobile.

Ora accetta la sfida di Stocard, perché èun’opportunità per promuovere un’innovazione che rende più facile la vita di tutti” dice. “Non a caso il nostro target di riferimento è innanzitutto la famiglia: un nucleo che ha carte di fedeltà da utilizzare per la raccolta punti o per usufruire di sconti e offerte. Noi vogliamo aiutare gli utenti a trarre vantaggio dai programmi di fidelizzazione con un semplice click”. Una funzione di scansione, infatti, consente agli utenti di scannerizzare ogni scheda e aggiungerla digitalmente all’app. I consumatori possono inoltre ricevere offerte mirate da parte dei rivenditori. E verrà presto aggiunta all’app un’opzione di pagamento attraverso la tecnologia Nfc, così da avere, a tutti gli effetti, un portafoglio digitale.

E proprio questo è l’obiettivo che si è posta la neo Country Manager per la fine dell’anno: sostituire il classico portafoglio con il mobile payment. “Utilizzare Stocard non è conveniente solo per i consumatori – spiega -. Il cliente italiano medio ha almeno 10 carte fedeltà, ma la realtà è che nessuno le porta tutte con sé nel portafoglio. Stocard semplifica il processo di fidelizzazione dei clienti, così da poter accumulare online e in un unico luogo punti e vantaggi. Anche per i brand è una grande opportunità: l’app mette fine al problema del portafoglio in disordine, assicurando poi una maggiore partecipazione ai programmi di fidelizzazione.”

“Stocard è dedicata a due tipologie di clienti – continua la manager – gli ‘accaniti’, che hanno troppe carte fedeltà, e i ‘contrari’ che evitano di iscriversi a nuovi programmi di fidelizzazione in modo da non vedere il proprio portafoglio aumentare di volume. In Italia coloro che trarranno particolare beneficio saranno i negozi di alimentari, gruppi di farmacie, negozi di moda e le compagnie aeree. Si nota spesso una crescita, che raggiunge fino al 20% delle vendite, per i consumatori che utilizzano l’app”.

Non a caso, a marzo l’applicazione ha ricevuto 4 milioni di euro in finanziamenti di Serie A, che saranno utilizzati per completare la funzionalità di pagamento mobile e per l’espansione internazionale in Italia e in Australia.

In questa timeline tutti i numeri di Stocard

 

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali.