Stocard, perché una startup tedesca sceglie il mercato italiano per crescere | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nuovi player

Stocard, perché una startup tedesca sceglie il mercato italiano per crescere

17 Ott 2016

Altri argomenti

La società ha aperto un ufficio a Roma, guidato da Valeria Santoro che arriva da Google: «La nostra app permette di memorizzare le carte fedeltà su smartphone ed è già usata da 2 milioni di italiani. Tra i 200 clienti Carrefour, Esselunga e Media. Ora puntiamo al mobile payment»

Valeria Santoro, General Manager Italia di Stocard
Conquistare il mercato italiano puntando su famiglia e risparmio. C’è l’Italia tra gli obiettivi internazionali di Stocard, startup tedesca che ha ideato un’app che consente di memorizzare tutte le carte fedeltà nel proprio smartphone. Fondata a Mannheim nel 2011 da da David Handlos, Florian Barth e Björn Goss, Stocard trova già un terreno fertile nel nostro Paese: 2 milioni gli italiani che già utilizzano l’app (soprattutto nuclei famigliari interessati a raccogliere punti o a risparmiare) e 200 le marche, tra cui Carrefour, Esselunga e Media World, fra i clienti della società. Numeri, questi, che hanno convinto l’app wallet tedesca a guardare con interesse al mercato italiano, oltre a quello australiano, per il suo programma di internazionalizzazione.

Alla guida del nuovo ufficio internazionale Stocard con sede a Roma c’è Valeria Santoro. Romana, 41 anni, Valeria Santoro ha una laurea in scienze politiche ed economia internazionale, un master in marketing management e uno in analisi dei dati di vendita, diverse esperienze fra ambiti tech, mobile e startup. Ha lavorato prima per Nokia dove acquisito tutte le skill utili in ambito mobile, poi per Google. E di quell’esperienza racconta: “E’ un ambiente fresco, dinamico, frizzante. Un’azienda dove gli ingegneri camminano a piedi scalzi perché non conta come sei, ma quanto vali e quello che produci”. Poi si avvicina al mondo delle startup e lavora per DoveConviene, piattaforma digitale che informa su promozioni e prodotti dei negozi vicino a casa, grazie alla quale ha acquisito competenze sull’advertising online e mobile.

Ora accetta la sfida di Stocard, perché èun’opportunità per promuovere un’innovazione che rende più facile la vita di tutti” dice. “Non a caso il nostro target di riferimento è innanzitutto la famiglia: un nucleo che ha carte di fedeltà da utilizzare per la raccolta punti o per usufruire di sconti e offerte. Noi vogliamo aiutare gli utenti a trarre vantaggio dai programmi di fidelizzazione con un semplice click”. Una funzione di scansione, infatti, consente agli utenti di scannerizzare ogni scheda e aggiungerla digitalmente all’app. I consumatori possono inoltre ricevere offerte mirate da parte dei rivenditori. E verrà presto aggiunta all’app un’opzione di pagamento attraverso la tecnologia Nfc, così da avere, a tutti gli effetti, un portafoglio digitale.

E proprio questo è l’obiettivo che si è posta la neo Country Manager per la fine dell’anno: sostituire il classico portafoglio con il mobile payment. “Utilizzare Stocard non è conveniente solo per i consumatori – spiega -. Il cliente italiano medio ha almeno 10 carte fedeltà, ma la realtà è che nessuno le porta tutte con sé nel portafoglio. Stocard semplifica il processo di fidelizzazione dei clienti, così da poter accumulare online e in un unico luogo punti e vantaggi. Anche per i brand è una grande opportunità: l’app mette fine al problema del portafoglio in disordine, assicurando poi una maggiore partecipazione ai programmi di fidelizzazione.”

“Stocard è dedicata a due tipologie di clienti – continua la manager – gli ‘accaniti’, che hanno troppe carte fedeltà, e i ‘contrari’ che evitano di iscriversi a nuovi programmi di fidelizzazione in modo da non vedere il proprio portafoglio aumentare di volume. In Italia coloro che trarranno particolare beneficio saranno i negozi di alimentari, gruppi di farmacie, negozi di moda e le compagnie aeree. Si nota spesso una crescita, che raggiunge fino al 20% delle vendite, per i consumatori che utilizzano l’app”.

Non a caso, a marzo l’applicazione ha ricevuto 4 milioni di euro in finanziamenti di Serie A, che saranno utilizzati per completare la funzionalità di pagamento mobile e per l’espansione internazionale in Italia e in Australia.

In questa timeline tutti i numeri di Stocard

 

Altri argomenti

di Concetta Desando

Articoli correlati