Open Innovation, Enel Green Power investe nella società che crea energia dalle onde sottomarine | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Investimenti

Open Innovation, Enel Green Power investe nella società che crea energia dalle onde sottomarine



Round da 2,2 milioni, in coinvestimento con Invitalia Ventures, per 40South Energy, azienda che ha brevettato una tecnologia a basso impatto ambientale. Il finanziamento contribuirà allo sviluppo del progetto e alla commercializzazione di un nuovo prodotto

di Redazione EconomyUp

20 Gen 2017


 Enel Green Power, società spin-off di Enel che si occupa di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ha chiuso, insieme a Invitalia Ventures, un round di investimento da 2  milioni e 250mila euro in 40South Energy Italia, società che si propone di convertire l’energia marina presente nelle onde in elettricità, mediante una tecnologia brevettata a basso impatto ambientale e zero impatto visivo.

In un mercato che combina grandi potenzialità di sviluppo e, allo stesso tempo, criticità difficilmente superabili, la multinazionale italiana ha deciso di puntare su una startup che offre diversi vantaggi in questo settore come: impatto ambientale e paesaggistico di fatto nullo; produzione di energia possibile con qualsiasi condiziona meteorologica; costi di installazione limitati rispetto ad altre tecnologie, oltre alla manutenzione, pensata per essere eseguita senza mezzi navali specifici. Inoltre la tecnologia può essere installata anche in aree remote e nelle piccole isole non interconnesse senza grosse difficoltà dove, con questa tipologia di macchina, è possibile coniugare rispetto per l’ambiente e produzione conveniente del punto di vista economico.

► LEGGI ANCHE: 40South Energy, l’azienda che trae energia dalle onde sottomarine

Fondata nel 2007 da Michele Grassi, con lo scopo di sviluppare una tecnologia dirompente nelle energie rinnovabili, la società ha creato due tipi di convertitori di energia dalle onde marine basati su un powertrain condiviso in grado di trasformare l’energia del moto ondoso sottomarino.

L’investimento dei due operatori contribuirà allo sviluppo della tecnologia di 40South Energy e ad avviare la commercializzazione nel corso del 2017 della macchina H24. «L’investimento in 40South Energy Italia punta su una tecnologia dirompente, pulita e con un importante impatto sociale – ha dichiarato Ciro Spedaliere, Investment Manager di Invitalia Ventures SGR – siamo orgogliosi di partecipare con il nostro contributo all’inserimento sul mercato di 40South Energy Italia, un’azienda con enormi potenzialità di sviluppo. Ulteriore motivo di orgoglio è aver condotto questo investimento insieme al gruppo Enel, che si distingue per la capacità di aprire il proprio business a contributi esterni, supportando in particolar modo le startup impegnate nel settore delle clean technologies».

LEGGI ANCHE: Invitalia, due investimenti in arrivo (dopo gli 11 del 2016)

Per quanto riguarda Invitalia Ventures, fondo comune d’investimento con patrimonio proveniente dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), nato nel 2015 e guidato dal CEO Salvo Mizzi (ex Telecom Italia), si tratta di un’operazione che fa parte degli 11 investimenti realizzati l’anno scorso ma la cui ufficialità è stata svelata solo nel 2017, come già raccontato da EconomyUp.

Redazione EconomyUp