Michele Centemero (Mastercard): il futuro secondo noi, con l'aiuto delle startup | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Michele Centemero (Mastercard): il futuro secondo noi, con l’aiuto delle startup

12 Ott 2018

“L’innovazione per noi è rendere la user experience sicura, facile e veloce” dice il Country Manager della società che ha messo a punto nuove soluzioni in collaborazione con alcune startup, dalla biometria comportamentale per navigare in sicurezza all’autobus che riconosce i passeggeri dal viso

L’innovazione per noi è semplificare la vita del consumatore finale, rendendo la user experience sicura, facile e veloce”. Michele Centemero, Country Manager di Mastercard Italia, non ha dubbi. Lo incontriamo al Mastercard Innovation Forum, l’evento organizzato dall’azienda un’azienda che opera nel settore delle tecnologie per i pagamenti internazionali e dedicato all’innovazione nel mondo dei pagamenti, in cui sono state presentate le ultime novità e le tecnologie volte a rendere i pagamenti più accessibili, veloci e sicuri. “La sicurezza è il primo elemento: tutto ciò che facciamo tocca la cosa più sensibile per il consumatore, i soldi. Non è un caso che il Ceo di Mastercard, Ajaypal Singh Banga, abbia fatto parte del team di Obama sulla cybersecurity e che ogni transazione ormai sia tokenizzata” spiega il manager.

Il secondo elemento su cui Mastercad punta per migliorare la user experience è la velocità. “Oggi i tempi sono sempre più tiranni, il lavoro richiede sempre più tempo del previsto e le famiglie ci aspettano. Per questo la velocità nei pagamenti è fondamentale”.

Infine c’è la facilità di utilizzo: “Immaginate di varcare un tornello grazie al riconoscimento facciale e alla biometria semplicemente scaricando un’app. Niente di più” continua il country manager di Mastarcard Italia. Che ci spiega come si stanno evolvendo i pagamenti digitali: “Sono diventati un ecosistema. Immaginate di entrare tutte le mattine nello stesso bar e di ordinare sempre il solito. Anche la banca, che tutti i giorni autorizza il solito pagamento, troverà il modo per far sì che entrando nel bar e pronunciando due parole, ‘il solito’, io abbia già pagato”.

Michele Centemero, Country Manager Mastercard Italia

I progetti di Mastercard

Dalla biometria comportamentale, all’autobus del futuro con tornello a riconoscimento facciale, passando per le applicazioni per lo shopping e l’intrattenimento: ecco che cosa abbiamo visto al Mastercard Innovation Forum. Alla Demo Area, infatti, sono state esposte soluzioni che illustrano le nuove sfide del mercato dei pagamenti e l’evoluzione dell’ecosistema digital&payment.

BIOMETRIA COMPORTAMENTALE: NuDetect by NuData – Nata dall’idea della Startup NuData, si tratta di una demo che si basa esclusivamente sulla biometria comportamentale. Localizzando il luogo di accesso e studiando il comportamento dell’utente mentre digita sulla tastiera di uno smartphone, di un tablet o di un PC, NuDetect è in grado di creare uno specifico e unico profilo utente, a seconda del device utilizzato e di verificare la reale identità di chi sta utilizzando quel dispositivo. Lo scopo è quello di dimostrare i comportamenti anomali a livello di digitazione che possono verificarsi, ad esempio, in casi di phishing, un tipo di truffa tipica del web, attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile in una comunicazione digitale.

IL TORNELLO DEL FUTURO

Tornello del futuro

In Italia, quella dei trasporti pubblici è un’area che Mastercard segue molto da vicino, con progetti importanti che hanno coinvolto le città italiane, in particolare Milano e Roma. Mastercard collabora con importanti aziende del settore per trovare nuove soluzioni che possano migliorare l’esperienza di viaggio degli utenti e limitare l’uso del contante, riducendo le code alle biglietterie e i disagi nel flusso quotidiano dei pendolari. Mastercard negli ultimi anni ha creato diverse soluzioni: MyCicero a Roma, che permette di accedere ai trasporti pubblici attraverso un QRCode e, a Milano, il pagamento contactless con ATM, rendendo accessibile l’acquisto dei titoli di viaggio tramite wearable device, carte di credito e app abilitate, come Google Pay, Apple Pay, Fitbit Pay e PostePay. Ma l’evoluzione e l’innovazione portano Mastercard a spingersi ancora oltre, per costruire quotidianamente il futuro di domani: alla Demo Area è stato possibile accedere a un autobus, collegato ad una fermata delle smart cities con pensilina e sedia, tramite un prototipo avanguardistico di tornello, che sfrutta il riconoscimento facciale. Contestualmente alla creazione di un wallet, in cui viene registrata la carta, avviene la registrazione del volto dell’utente. Una telecamera riconosce immediatamente il volto del viaggiatore, permettendo uno snellimento della procedura di validazione dei ticket e di conseguenza anche nel flusso di viaggio dei consumatori.

TRE SOLUZIONI ALL’AVANGUARDIA NEL MONDO DEI PAGAMENTI DIGITALI. Sono state presentate da Start Path Corner, l’incubatore di Start Up di Mastercard, il programma di 6 mesi, che permette alle aziende di accedere all’ecosistema globale di Mastercard:

  • MobeeWave’s TapOnPhone che trasforma il cellulare in un terminale mobile. Infatti, fornisce la possibilità di accettare pagamenti utilizzando il proprio smartphone come se fosse un POS e stampare con la carta i trasferimenti di denaro tra esercenti e persone. Al momento si tratta di una funzione abilitata solo su smartphone Android.
  • PayKey può esser definita la tastiera innovativa, integrabile nelle app che si utilizzano quotidianamente, come Whatsapp o Messenger. Il pulsante presente nella tastiera evoluta permette di accedere a servizi finanziari, quali ad esempio quelli legati all’app della propria banca, integrandoli direttamente all’interno dell’app di messaggistica. Una soluzione alternativa ai chat bot, in quanto non si entra in contatto con terze parti digitali, ma viene semplicemente resa più accessibile la fruizione di servizi bancari.
  • SensiBill, una soluzione pensata per la clientela business che richiede una via sicura e fruibile per organizzare i propri documenti. SensiBill è integrabile all’interno del mobile banking e garantisce la sicura gestione di ricevute, scontrini e fatture.

L’EVOLUZIONE DELLE VENDING MACHINE: Necta

Necta app Caffè

Nella frenetica vita quotidiana siamo sempre più alla ricerca di servizi veloci, ma di qualità, anche quando prendiamo un caffè alle macchinette self service. Mastercard in collaborazione con Necta propone un app all’avanguardia, che permette di registrare la propria carta e di effettuare la transazione in prossimità della macchinetta: anche quando siamo in coda la macchinetta gestirà la fila per noi, avvisandoci sul numero di persone in coda e nel momento in cui sarà il nostro turno di servirci.

Necta App Caffè

IL FUTURO DELL’ENTERTAINMENT – The Space Cinema – Per avere sempre il posto preferito assicurato al cinema, Mastercard ha realizzato un mock up con telefono e app dotati di mirroring, che permette di simulare l’acquisto del biglietto del cinema The Space attraverso la tecnologia Masterpass. Dopo essersi registrati e aver rilasciato i dettagli della carta, pagare il biglietto sarà facile: in un semplice click, grazie all’utilizzo di autenticazione biometrica.

MDES per i merchant – Gli esercenti continuano a innovarsi, offrendo nuove e entusiasmanti esperienze di e-commerce per i clienti di tutti i canali, dai tradizionali PC e dispositivi mobili, alle auto connesse e ai frigoriferi intelligenti. Per rendere i pagamenti una parte integrante dell’esperienza di acquisto, gli esercenti incoraggiano sempre più i titolari di carte a archiviare le proprie credenziali di pagamento su file, alimentando prelievi più rapidi, maggiore spesa e minore attrito. MDES for merchants consente agli esercenti e ai fornitori di servizi di pagamento di tokenizzare le credenziali dei titolari di carta e fornire un’esperienza di acquisto online più sicura per i loro clienti. Vantaggi chiave: maggiore sicurezza e miglioramento dell’esperienza di acquisto.

Mastercard, le startup e l’open innovation

Per riuscire a realizzare tutto ciò Mastercard si è aperta alle idee innovative di startup, software house, partner. “Non è stato semplice per un player come noi – ci confida Michele Centemero –. Eravamo abituati a lavorare con le banche, un mondo sicuro e regolamentato, ma abbiamo dovuto cambiare pelle”. Pur essendoci poche persone che all’interno dell’azienda si occupano in maniera specifica di innovazione, “Il nostro Ceo ripete spesso che tutti noi in Mastercard siamo portatori di innovazione, che dobbiamo essere noi in prima persona a proporre e portare disruption” continua Centemero. Per questo Mastercard ha aperto un Lab in ogni continente in cui ha sede: quello europeo ha sede a Dublino. “È aperto a dipendenti, collaboratori, startup, partner ed è qui che ogni idea innovativa prende vita: dalla proposta su carta alla realizzazione dei software” dice.

Non solo. La società ha lanciato anche una Call4Ideas dedicata alle startup con meno di 5 anni di vita e attive nel settore FinTech, Big Data, Intelligenza Artificiale, Security e SmartCity.

Cubbit è la startup premiata al Mastercard Innovation Forum. Il progetto proposto da Cubbit è stato giudicato il più innovativo e rientra nel settore della sharing economy, un universo sempre più in crescita anche nel nostro Paese. Cubbit è il primo data center distribuito che ricicla le risorse Internet inutilizzate degli utenti e le trasforma in servizi web criptati che possono essere vendute alle aziende. La tecnologia Cubbit irrompe nell’industria globale del cloud eliminando la causa principale dei suoi problemi: le web farm centralizzate. Cubbit le sostituisce con un data center distribuito basato su una rete peer-to-peer composta da server domestici che sfruttano la rete Wi-Fi dei possessori di piani illimitati  durante le ore in cui la rete  rimane inutilizzata, come quelle notturne.

Il momento della premiazione di Cubbit

La Call4Ideas nasce in collaborazione con il programma globale lanciato nel 2014 Mastercard StartPath, dedicato al supporto di startup che hanno appena avviato il loro business e che sono impegnate nello sviluppo di soluzioni di ultima generazione per il commercio.

Il programma Start Path riceve ogni anno la media di 1600 applications, circa 40 passano il vaglio per cominciare a lavorare attivamente nel network. Ad oggi più di 170 startup lavorano con Mastercard e le società che hanno partecipato a questo programma hanno ottenuto più di 1 miliardo di dollari di investimenti.

L’Italia è pronta ad affrontare la sfida dei pagamenti digitali

Contrariamente a quanto potremmo pensare, l’Italia è pronta a vincere la sfida sui pagamenti digitali. “È un falso mito pensare che l’Italia non sia pronta. Bastano pochi esempi per dimostrare il contrario: oggi nel nostro Paese una transazione su due è concactless, inoltre per l’accesso alle metropolitane con carta siamo quarti nel mondo, dopo Londra, Chicago e Singapore c’è Milano” continua Centemero. Che puntualizza: “Il problema dell’italiano è che per avvicinarlo all’innovazione non devi imporla, ma renderla semplice e disponibile. L’innovazione per funzionare deve risolvere un problema, essere una soluzione a un mal di pancia, arrivare in maniera semplice e puntuale a una necessità”.

Del resto, le tecnologie innovative messe a disposizione dei consumatori italiani, sono ben recepite ed apprezzate, svolgendo un ruolo chiave nella user experience. La recente ricerca Connected Consumer di Mastercard, condotta da GFK Eurisko, ha evidenziato l’approccio dei consumatori italiani verso le tecnologie e l’innovazione quando si parla di pagamenti digitali. Secondo lo studio, il 60% degli italiani considera i pagamenti via mobile come la soluzione che impatterà in modo significativo nel futuro della loro esperienza e-commerce, seguiti da tecnologie per la smart home (41%) e i wearable device (30%). Inoltre, quasi la metà degli italiani (47%) ritiene i pagamenti via mobile la soluzione più semplice, mentre ben più della metà (53%) la ritengono la soluzione più veloce.

Oggi, il 47% degli italiani preferisce lo smartphone come strumento per i propri acquisti quotidiani: il 38% lo usa per acquistare beni di consumo, tra cui biglietti e servizi.

I dati sono confortanti, ma la strada da fare è ancora lunga. “Per la prima volta – continua Centemero – quest’anno abbiamo festeggiato un numero importante: siamo passati da oltre l’80% al 77% di contante circolante. Finalmente siamo scesi sotto l’8, ma la media europea è del 49%, c’è ancora tanto da fare” conclude il Country Manager di Mastercard Italia.

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati