eve Sleep, come farsi dare 16 milioni di euro per un materasso | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

E-commerce

eve Sleep, come farsi dare 16 milioni di euro per un materasso

07 Ott 2016

La startup inglese con un unico prodotto, un materasso di qualità venduto solo online che arriva a casa in una scatola, ha ottenuto un nuovo round di finanziamenti guidato da Woodford Investment Management. In tutto la sua raccolta ammonta a 20 milioni. Ora attiverà l’e-commerce anche in Italia

La startup inglese eve Sleep raccoglie 16 milioni di euro nel terzo round di finanziamenti e annuncia il lancio del suo e-commerce in Italia. Una cifra notevole, anche perché gli investitori hanno deciso di scommettere sull’unico prodotto della startup, prodotto che peraltro è quanto di più tradizionale si possa immaginare: un materasso, per quanto frutto di anni di ricerca, venduto esclusivamente online e attualmente popolare soprattutto tra i nerd.

È il secondo investimento importante in pochi giorni su una startup europea. Di recente Hawkers, startup spagnola del gruppo Saldum Ventures attiva nel mercato della vendita online di occhiali da sole, ha raccolto ben 50 milioni di euro in un round guidato dal fondo O’Hara Financial.  

Finanziamenti record, 50 milioni alla startup Hawkers che vende occhiali online

Ora è il turno di eve Sleep, che si definisce “pioniera nel settore delle soluzioni di lusso per il sonno”. Nata in Gran Bretagna a febbraio 2015 da un’idea di Jas Bagniewski, Kuba Wieczorek, Felix Lobkowicz e James Fryer, la startup ha appena raccolto 16 milioni di euro in un terzo round di finanziamenti portati avanti da Woodford Investment Management. Sono in totale 20 i milioni di euro ricevuti fino ad oggi da investitori tra cui Octopus Ventures, DN Capital e il canale televisivo inglese Channel 4. eve Sleep prevede per il 2017 un fatturato di oltre 45,5 milioni di euro e annuncia il suo ingresso nel mercato italiano. Grazie a questo round di finanziamenti eve Sleep è appunto pronta a entrare in nuovi mercati quali appunto l’Italia, ma anche l’Olanda, la Polonia e la Svizzera.

Come detto la società propone un unico prodotto: il materasso, acquistabile solamente online e consegnato direttamente a casa compresso e arrotolato in una scatola. A quanto si legge nel sito della società, il materasso è stato realizzato in 4 anni di ricerca grazie ai feedback dei clienti e oltre 70. 000 prototipi realizzati. Si tratta, recita un comunicato, di un “servizio più conveniente e un prodotto di altissimo livello a un prezzo accessibile”. Il costo di un materasso matrimoniale è intorno ai 750 euro. Una cifra superiore al costo medio di un analogo materasso venduto dai marchi più diffusi in Italia. Ma la startup punta evidentemente sulla qualità dell’offerta e sul modo innovativo di proporla: in pratica l’e-commerce del materasso in scatola.

Da febbraio 2015 eve Sleep si è espansa negli Usa, in Francia e in Germania rivoluzionando il modo di acquistare uno degli oggetti più importanti per la casa.

Paul Pindar, che ha portato Capita ad un business di diversi miliardi di euro, ha  creduto in eve Sleep ed entrerà in azienda come Presidente del Consiglio di Amministrazione: il suo compito sarà quello di condurre il brand verso il successo globale.

Jas Bagniewski, Direttore Generale e co-fondatore di eve Sleep ha dichiarato: ’Aver chiuso il terzo round a quasi 16 milioni di euro è un segno dell’instancabile lavoro svolto da tutto il team, la qualità dei nostri prodotti e la rilevanza della nostra offerta. I consumatori e gli investitori supportano la nostra visione e siamo molto contenti che Paul entri a far parte di eve Sleep. Siamo inoltre entusiasti di entrare nel mercato italiano con quella che a quanto pare è per l’Italia un’assoluta novità: un e-commerce di materassi in scatola.

Il business di eve Sleep cresce ogni mese del 25%. Ad oggi sono stati venduti 34.000 materassi. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati