Blend: perché continua a crescere la fintech USA che digitalizza i mutui per le banche | Economyup

SCALEUP

Blend: perché continua a crescere la fintech USA che digitalizza i mutui per le banche



La società fondata a San Francisco nel 2012 aiuta le banche a digitalizzare tutte le operazioni e integrarle in un’unica piattaforma. Ma è in continua evoluzione: “Con la pandemia non possiamo sempre prevedere di quali nuovi prodotti o soluzioni avranno bisogno i clienti” dice il CEO di Blend, Nima Ghamsari

di Laura Loguercio

25 Gen 2021


Nima Ghamsari, CEO di Blend

Sfruttare la tecnologia per facilitare il processo di sottoscrizione dei mutui ipotecari: è stato, sin dalla nascita, il focus della startup fintech statunitense Blend, che ha raccolto $300 milioni nel suo ultimo round di investimenti, di Serie G, conclusosi a metà gennaio e guidato da Coatue e Tiger Global Management. La valutazione della compagnia sale così $3,3 miliardi: quasi il doppio rispetto al valore di agosto, stimato in $1,7 miliardi

Un risultato estremamente incoraggiante, che sottolinea ancora una volta l’importanza della trasformazione digitale nel settore bancario e finanziario. Con la sua Digital Lending Platform, infatti, Blend offre software specifici pensati per aiutare le grandi banche a migliorare l’automatizzazione dei loro processi in modo da poter servire più clienti e migliorare la produttività riducendo comunque costi e tempistiche. 

Fin dalla sua fondazione, a San Francisco nel 2012, il focus principale di Blend è però sempre stato posto posto sulla necessità di sfruttare la tecnologia per facilitare il processo di sottoscrizione dei mutui ipotecari. 

La piattaforma di Blend e i mutui ipotecari

Con Blend banche, cooperative di credito e istituti di credito ipotecario possono digitalizzare tutte le proprie operazioni e integrarle in un’unica piattaforma. Il risultato, quindi, è un processo più semplice da gestire per gli operatori, e un’esperienza d’uso semplificata per gli utenti. 

“Se c’è una cosa che abbiamo capito grazie alla pandemia in corso è che non possiamo sempre prevedere di quali nuovi prodotti o soluzioni avranno bisogno i clienti” ha detto il Ceo di Blend, Nima Ghamsari. “Con la nostra piattaforma no-code, che offre un flusso di lavoro semplificato e funzionante su diversi canali, le istituzioni finanziarie possono modificare il proprio approccio in modo più rapido che mai, creando esperienze d’uso dinamiche e personalizzate”. 

Il servizio principale offerto da Blend è la sua Mortgage Suite, pensata appositamente per le istituzioni che si occupano di mutui ipotecari. Questa permette di digitalizzare l’intero processo di apertura, rateizzazione ed estinzione di un mutuo, in modo che le banche possano gestire più operazioni e ridurre allo stesso tempo i costi operativi. 

Blend Reporting è poi la piattaforma virtuale che analizza i dati e crea automaticamente report sempre aggiornati: le banche possono così avere sempre sotto mano una dashboard che evidenzia la situazione generale del settore, insieme a documenti che analizzano nello specifico l’andamento di parametri minori.

L’espansione e il lancio nelle assicurazioni casa

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Partita dai mutui, con il tempo Blend ha ampliato la propria offerta per coprire operazioni anche in altri settori bancari o finanziari, come i prestiti auto o i conti di deposito. 

Nel 2018 la startup si è infine lanciata nel settore assicurativo avviando un programma pensato appositamente per migliorare l’esperienza di acquisto per le assicurazioni casa negli Stati Uniti. Ancora una volta, il focus è tutto sulla digitalizzazione: la missione di Blend è infatti rivoluzionare le operazioni legate all’acquisto e alla gestione delle polizze, facendo in modo che tutti i passaggi siano controllabili con un dispositivo elettronico.

Le assicurazioni acquistate con Blend Insurance Agency vengono poi integrate automaticamente con la Mortgage Suite, la piattaforma che gestisce i mutui, in modo da semplificare le operazioni e rendere l’intero processo il più rapido possibile. 

La crescita nel 2020

Il 2020 è  stato un anno chiave per Blend. Collaborando con 285 partner, nel 2020 la startup ha agevolato prestiti per $1,4 miliardi – più del doppio rispetto all’anno precedente – e ha ampliato il proprio team assumendo più di 200 nuovi dipendenti, un aumento del 60%. 

Tra i clienti di Blend figurano molte delle principali banche americane, da TCF National Bank a CityBank, che in totale gestiscono il 30% dei mutui rilasciati negli Stati Uniti. In Wells Fargo, l’ente principale in ambito ipotecario, si stima che il 75% dei mutui venga aperto a partire dalle applicazioni gestite tramite la piattaforma di Blend.

Blend intende utilizzare i $300 milioni raccolti con l’ultimo round di investimenti per migliorare i propri servizi ed espandersi ulteriormente. Il CFO Marc Greenberg, poi, non esclude un’entrata in Borsa della compagnia nel prossimo futuro. 

Su Blend ha anche investito G Squared, gestore di venture capital statunitense che punta su realtà con 5 o 6 anni di vita, tecnologie e soluzioni disruptive, e team solidi ed esperti.

Laura Loguercio

Lavoro nel desk video di un'agenzia stampa a Milano. Primo ho studiato Filosofia, poi ho scoperto il mondo del digitale. Scrivo di società, ma con un occhio per l’innovazione.