Israele terra promessa (mantenuta) per le startup delle Life Science | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tecnologia solidale

Israele terra promessa (mantenuta) per le startup delle Life Science

di Antonio Palmieri

15 Lug 2016

il governo israeliano è sceso in campo con 100 milioni l’anno per promuovere nuove imprese che combattano diabete, Alzheimer, morbo di Parkinson e sclerosi multipla. Un buon esempio da tenere presente

Israele è da molti anni una startup nation. Ciò la pone all’avanguardia in tutti i settori dell’innovazione, compreso lo sviluppo di tecnologie che aiutano le persone in difficoltà di salute o affette da disabilità a vivere meglio.

Ora il governo israeliano è sceso in campo per promuovere startup che combattano diabete, Alzheimer, morbo di Parkinson e sclerosi multipla. Per non parlare dell’impegno nella robotica, nella diagnostica 3D, nelle applicazioni di e-health, nelle piattaforme per l’analisi dei big data sensoristica avanzata. È un insieme di iniziative finanziate da fondi privati e dal governo (100 milioni di euro l’anno) per far crescere startup nell’ecosistema “health”.

Un esempio, l’ennesimo, che conferma come Israele sia una terra dove la promessa per l’innovazione è mantenuta. Un esempio. Chi ha orecchie per intendere…

Antonio Palmieri

Antonio Palmieri, milanese, esperto di comunicazione, deputato. Da quando c'è Internet sono curioso della Rete. Dal 2002 cerco di valorizzare le possibilità che il digitale offre per una vita migliore

Articoli correlati