Zomato, 60 milioni di dollari per l'app di ricerca dei ristoranti

Il nuovo finanziamento è arrivato da Singapore Temasek e Vy Capital e porta i fondi totali dell’azienda a 225 milioni di dollari. “Questo nuovo budget sarà utilizzato per un’ulteriore crescita del business di Zomato in Italia e nel mondo” spiega Guk Kim, country manager della multinazionale indiana

Investimenti

Guk Kim - Country Manager Zomato ItaliaGuk Kim - Country Manager Zomato Italia“Menù scannerizzati, coordinate precise, recensioni controllate, commenti di blogger: Zomato è diversa dalle altre piattaforme di ricerca ristoranti” aveva detto a EconomyUp Guk Kim, Il country manager della multinazionale indiana che ha lanciato a marzo il suo servizio in Italia ed è già pronto a scalzare Tripadvisor. Ed evidentemente ci hanno creduto anche gli investitori. Perché l’app per la ricerca e scoperta di ristoranti, ha appena ricevuto un finanziamento di 60 milioni di dollari in un nuovo round di raccolta fondi arrivati questa volta da Singapore Temasek con la partecipazione dell’investitore Vy Capital. Questo nuovo budget sarà utilizzato per un’ulteriore crescita del business di Zomato in Italia e nel mondo. Con gli investimenti di Info Edge, Sequoia India, Vy Capital e ora di Temasek, i fondi totali di Zomato arrivano a 225 milioni di dollari.

Leggi l'intervista a Guk Kim, country manager di Zomato Italia

“Questo nuovo investimento è la prova del fatto che stiamo procedendo nella direzione giusta e testimonia la fiducia riposta in noi dagli investitori, che credono nella nostra visione – spiega Guk Kim, Country Manager di Zomato Italia -. Il nostro obiettivo principale è diventare il ponte e il collegamento ideale tra i consumatori e i ristoratori. Grazie a questo investimento, inoltre, il business in Italia continuerà a consolidarsi e anche il team vedrà un’ulteriore crescita, con un aumento delle assunzioni già nei prossimi mesi. Infine, il budget a disposizione sarà importante per progettare e sviluppare nuovi prodotti con il fine di mettere in contatto in modo sempre efficace i ristoratori con i loro clienti”.
 
Di recente  Zomato ha anche annunciato il lancio della sua piattaforma Whitelabel, una raccolta completa di strumenti per i ristoranti che vogliono far crescere il loro business online. La peculiarità della piattaforma è la possibilità per i ristoranti di lanciare delle App brandizzate che li aiuteranno a mettersi in contatto e ad aumentare il proprio numero di clienti operando online.

Fondata nel 2008, Zomato ha il suo quartier generale in India ma conta più di 3000 dipendenti in 22 Paesi. Disponibile sul web e su mobile, Zomato ha un database di 1.4 milioni di ristoranti, che fornisce informazioni dettagliate come menu, contatti, foto, mappe geolocalizzate e recensioni di utenti. Ogni mese Zomato riceve più di 90 milioni di visti sul suo sito internet e sulle sue piattaforme mobile.

In Italia è arrivata a dicembre del 2014 con l'acquisizione della startup Cibando e attualmente è attiva in due città, Roma e Milano, con 20.000 ristoranti e una crescita continua ed esponenziale. Anche il team si sta espandendo molto velocemente e in poco tempo ha raggiunto la quota di 35 persone assunte. Per i prossimi mesi si prevedono ulteriori assunzioni e una crescita che non accenna ad arrestarsi.
 
Solo poco tempo fa l’azienda ha investito strategicamente su due aziende di delivery - Pickingo  a Gurgaon e Grab a  Mumba - per attivare una micro-logistica urbana che include ristoranti che altrimenti non farebbero consegna.

Utilizzeremo questo round per fare investimenti nei nostri prodotti come online ordering, prenotazioni tavoli e la nostra nuova piattaforma Whitelabel – ha detto Deepinder Goyal, fondatore e CEO di Zomato -. Con questo round, e con alcuni dei nostri mercati che stanno diventando profittevoli, Zomato è ben capitalizzata per almeno due anni. Siamo elettrizzati di avere un partner come Temasek e non vediamo l’ora di costruire una delle più grandi compagnie food-tech del mondo.”

Articoli Correlati

Una startup ci dice dove mangiare in Expo

Esposizione universale

Guk Kim: «Ecco perché Zomato è diversa dalle altre piattaforme di ricerca ristoranti»

L'intervista

Il gigante indiano Zomato acquista Cibando, la startup per cercare i ristoranti

Exit