Eventi

Italian Tech Week 2024: il nuovo corso guidato da un venture capital (Vento di Exor Ventures)



Indirizzo copiato

L’importante evento dedicato a innovazione è tecnologia “passa” alla gestione di Vento, il chapter italiano di Exor Ventures della famiglia Agnelli-Elkan. Le novità del programma di Italian Tech Week, dal 25 al 27 settembre sempre alle OGR di Torino

Pubblicato il 5 giu 2024



Torino 26-09-2023 Foto Daniele Solavavggione  MOLE ANTONELLIANA ILLUMINATA PER L’ITALIAN TECH WEEK
Mole Antonelliana illuminata per l'Italian Tech Week 2023/ Foto Daniele Solavavggione

“Il più importante evento italiano di tecnologia”, come il commissario europeo Thierry Breton ha definito l’Italian Tech Week, adesso è ufficialmente organizzato da un fondo di venture capital.

Italian Tech Week 2024, il nuovo corso

Italian Tech Week 2024 “passa” in gestione a Vento, il chapter italiano di Exor Ventures, il fondo di venture capital della cassaforte olandese della famiglia Agnelli-Elkann. Non è più un evento di GEDI, la società editrice di Repubblica, e infatti Riccardo Luna, che ha “inventato” e animato la tre giorni torinese per tre anni, su Linkedin ha comunicato che non si occuperà più dell’Italian Tech Week.

Dal 25 settembre (data d’inizio dell’edizione 2024) il futuro dell’evento dipenderà da Diyala D’Aveni, Head of Vento, posizione che ricopre da dal 2017, che l’Italian Tech Week ha già avuto modo di conoscere e frequentare come producer.

Vediamo adesso le novità di Italian Tech Week 2024, in programma dal 25 al 27 settembre sempre alle Officine Grandi Riparazioni (OGR) di Torino.

Italian Tech Week 2024, le novità in programma

L’edizione 2024 segna un nuovo corso, con un focus rinnovato sull’integrazione tra tecnologia e sostenibilità.

Protagonista prevedibile quest’anno sarà l’Intelligenza Artificiale, con la sua capacità di rinnovare settori, creare opportunità e guidare la trasformazione digitale. La kermesse non sarà solo un’occasione di confronto tra i principali attori del panorama tech nazionale e internazionale, ma anche un momento chiave per la formazione professionale. Infatti, tra le novità più significative vi sarà una serie di percorsi formativi gratuiti pensati per favorire lo sviluppo delle competenze digitali.

Un ruolo fondamentale sarà giocato dalle community tech, che si riuniranno durante l’Italian Tech Week per condividere idee, progetti e visioni del futuro.

Sulla pagina Lu.ma dedicata è possibile proporre un evento ed essere inseriti nel programma ufficiale della tech conference.

Italian Tech Week, protagonista l’Intelligenza Artificiale

L’Intelligenza Artificiale si conferma la grande protagonista dell’Italian Tech Week 2024. Tra le conferenze più attese quelle dedicate ai progressi nell’applicazione dell’AI nei settori strategici dell’economia italiana: manifatturiero avanzato, sanità digitale, fintech e mobilità autonoma.

Gli interventi dei key speaker internazionali non mancheranno di affrontare tematiche cruciali quali l’etica delle macchine intelligenti e le implicazioni legali dei sistemi decisionali basati sull’intelligenza artificiale.

Formazione professionale gratuita

Un’opportunità unica si presenta ai partecipanti alla Italian Tech Week 2024: la possibilità di accedere a corsi di formazione professionale gratuiti.

Questa iniziativa, volta a favorire la crescita delle competenze digitali nel nostro Paese, ricopre un’ampia gamma di tematiche, dalla cybersecurity all’analisi dei Big Data, passando per lo sviluppo software e le architetture Cloud.

L’intento è quello di creare un ponte tra il mondo dell’innovazione e il tessuto produttivo italiano, fornendo strumenti concreti per affrontare la crescente domanda di professionalità digitali nelle imprese.

Italian Tech Week: le community tech

L’edizione 2024 della Italian Tech Week celebra l’importanza delle community tech nel promuovere l’innovazione e favorire la diffusione delle competenze digitali.

Durante l’evento, saranno organizzati vari momenti dedicati allo scambio di idee e alla condivisione delle migliori pratiche tra i membri delle diverse comunità tecnologiche italiane. Un riconoscimento del valore che queste realtà possono avere nel stimolare il dialogo tra startup, aziende consolidate, istituzioni e mondo accademico, contribuendo a creare un ecosistema fertile per lo sviluppo tecnologico del nostro Paese.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4