Fintech: l'innovazione arriva dall'Asia, in Giappone i primi bond in Bitcoin | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OLTREBANCA

Fintech: l’innovazione arriva dall’Asia, in Giappone i primi bond in Bitcoin

di Stefano Tresca

21 Ago 2017

In passato le innovazioni esplodevano in Europa qualche anno dopo gli Usa. Oggi per banche e operatori è obbligatorio restare aggiornati sul mercato asiatico della finanza tecnologica. Non a caso nell’ultimo anno il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha reso il suo Paese uno dei più favorevoli alle criptovalute

Il Giappone, di solito considerato un Paese conservatore e tradizionalista, ha emesso proprio in questi giorni i primi bond al mondo denominati in Bitcoin. Non è un caso che l’esperimento sia avvenuto a Tokyo e non a New York, Londra o a Milano. Nell’ultimo anno, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha trasformato il Giappone in uno dei paesi al mondo più favorevoli ai Bitcoin ed in generale alle criptovalute.

La nuova normativa giapponese, approvata ad aprile di quest’anno, riconosce il Bitcoin e lo regola in modo chiaro. Soprattutto, le transazioni in Bitcoin sono esentate dall’imposta sulle vendite, una imposta simile all’IVA Italiana che in Giappone raggiunge l’8%. Non è una rivoluzione legata ad un solo paese, ma all’intera regione del Sud Est Asia. I più grandi utilizzatori di Bitcoin sono in Cina, e—come abbiamo scritto in passato su EconomyUp—gli emigrati di Corea ed Singapore preferiscono inviare i guadagni alle loro famiglie in Bitcoin.

A questi trend strutturali, si aggiungono gli eventi politici locali. La tensioni tra gli USA e la Nord Corea hanno creato un grosso nervosismo in Asia nei confronti del dollaro, a tutto vantaggio delle criptovalute.

La prima emissione di bond denominati in Bitcoin è stata gestita da Fisco, un gruppo basato a Tokyo che si occupa di informazione finanziaria. È un esperimento condotto con l’emissione di bond per 200 Bitcoin con un valore al momento dell’emissione di circa $800.000. I titoli garantiscono un interesse del 3% per tre anni. L’interesse può sembrare minimo ma alla fine dei tre anni i possessori dei bond riceveranno 200 Bitcoin “in contanti”, di fatto guadagnando anche dall’aumento di valore della criptovaluta (o perdendo se il valore del Bitcoin dovesse scendere).
Per dare un’idea delle potenzialità—e dei rischi di volatilità—quando ho conosciuto il Bitcoin per la prima volta a Londra nel 2011 era quotato a $31, oggi ha superato i $4.000.

Masayuki Tashiro, responsabile dei prodotti per Fisco, ha già comunicato ai giornalisti che la sua azienda è pronta a sperimentare nuovi bond in criptovaluta. Restare aggiornati sul mercato asiatico del Fintech—la finanza tecnologica—diventa sempre più una scelta obbligata per le banche e gli operatori italiani. In passato, innovazioni come Internet, l’e-commerce ed i social media esplodevano in Europa 2-5 anni dopo gli Stati Uniti. Nei prossimi due anni l’innovazione probabilmente arriverà dall’Asia, almeno nel settore dei pagamenti. I fratelli Samwer, fondatori di Rocket Internet, sono diventati miliardari clonando in Europa i siti web americani. Sarà curioso quali amministratori delegati e imprenditori avranno l’intuizione di fare lo stesso oggi con l’Asia.

(Immagine: OiMax su Flickr

  • 73 Share
Stefano Tresca

Vive dal 2010 a Londra dove è membro fondatore di Level39, il più grande acceleratore al mondo di startup fintech. Il suo ultimo libro è "Future Cities", Amazon bestseller.

Articoli correlati