Smart mobility per la fase 2: verso il bando da 20 milioni per startup, atenei e ricercatori | Economyup

TRASPORTI PUBBLICI

Smart mobility per la fase 2: verso il bando da 20 milioni per startup, atenei e ricercatori



Via alla consultazione di mercato nell’ambito del programma Smarter Italy avviato dal Mise in collaborazione con AgID. Sfocerà in un bando da 20 milioni di euro in palio per la nuova mobilità pubblica tra distanziamento sociale post Covid-19 ed efficienza dei flussi di traffico

20 Mag 2020


Foto di Nubia Navarro da Pexels

Garantire le distanze sociali tra i cittadini e gestire i nuovi flussi di traffico urbano tramite un nuovo modello di trasporto pubblico basato su soluzioni innovative per affrontare la Fase 2 con efficacia. È questo l’obiettivo del primo bando sulla smart mobility che verrà lanciato nell’ambito del programma Smarter Italy del ministero dello Sviluppo economico (Mise).

Come ha anticipato CorCom in un articolo a firma di Federica Meta, il bando prevede una gara d’appalto per tutti gli operatori di mercato: startup, università, centri di ricerca, con un premio di 20 milioni di euro per la realizzazione delle proposte vincenti.

L’Agenzia per l’Italia Digitale, stazione appaltante del programma, ha pubblicato il 5 maggio sulla Gazzetta ufficiale europea l’avviso di avvio della consultazione di mercato sul tema “Smart Mobility”. La consultazione apre la Pubblica Amministrazione al confronto con gli operatori di mercato, per acquisire tutti gli elementi utili per la preparazione della gara, in un dialogo aperto che coinvolge imprese, startup, centri di ricerca, associazioni del terzo settore.

Al termine della consultazione partirà la gara d’appalto innovativo da circa 20 milioni di euro, finalizzata alla ricerca e allo sviluppo di nuovi strumenti che consentano di prevedere e gestire i flussi di traffico, di soluzioni per soddisfare le esigenze di mobilità delle aree a domanda debole o meno popolate, per il miglioramento della mobilità delle merci nelle città, di merci e persone nei centri storici e nei borghi.

Smarter Italy, come nasce il programma che porterà al bando per la smart mobility

Il programma Smarter Italy è stato avviato dal Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), l’agenzia tecnica della Presidenza del Consiglio con il compito di garantire la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda digitale italiana. Scopo finale: accelerare la crescita del Paese attraverso l’utilizzo degli appalti innovativi.

Ad aprile 2020 è stato sottoscritto il Protocollo d’intesa per l’attuazione di una politica di innovazione basata sulla domanda pubblica tra il Ministro dello Sviluppo Economico, il Ministro dell’Università e della Ricerca e il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione.

20 milioni di euro per l’innovazione della mobilità cittadina

WHITEPAPER
Inquinamento acustico: linee guida per la PA
PA

Il programma Smarter Italy, strumento di realizzazione degli obiettivi del Protocollo d’Intesa, lancia la sfida a imprese, startup e centri di ricerca.

Le proposte del bando smart mobility dovranno essere mirate alla nuova mobilità del trasporto pubblico nella fase 2, tenendo conto delle necessità di distanziamento sociale e al contempo agevolando i flussi di traffico urbano. Gli obiettivi sono migliorare la qualità della vita dei cittadini, innovare il contesto imprenditoriale del territorio nazionale e generare un impatto rilevante sull’efficienza della Pubblica Amministrazione.

La sperimentazione delle soluzioni sarà condotta nel territorio dei Comuni di Bari, Cagliari, Catania, Genova, L’Aquila, Matera, Milano, Modena, Prato, Roma, Torino, e includerà alcuni borghi e città di minore dimensione.

La gara d’appalto innovativo prevede un premio di 20 milioni di euro, finalizzato alla ricerca e allo sviluppo di nuovi strumenti che consentano di prevedere e gestire i flussi di traffico, di soluzioni per soddisfare le esigenze di mobilità delle aree a domanda debole o meno popolate, per il miglioramento della mobilità delle merci nelle città, di merci e persone nei centri storici e nei borghi.

Qui tutti i dettagli del progetto.