Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smart City, a Palermo nasce il “laboratorio a cielo aperto” per l’innovazione

30 Mag 2017

Nel cuore del percorso arabo-normanno c’è lo “Smart City Living Lab”, un’infrastruttura tecnologica a disposizione di imprese, startup e cittadini per sviluppare e proporre soluzioni e servizi digitali. «Crediamo nelle potenzialità del Sud» dice Agostino Santoni, AD Cisco Italia, l’azienda che l’ha realizzata d’intesa con il Comune

La presentazione dello Smart City Living Lab a Palermo
Lo Smart City Living Lab nel centro di Palermo è pronto per offrire opportunità a cittadini e imprese del territorio. L’iniziativa è frutto di un protocollo di intesa siglato da Cisco e dal Comune di Palermo il 21 ottobre 2016. A circa sette mesi dall’intesa arriva un primo bilancio: il sindaco Leoluca OrlandoRebecca Jacoby, direttore operativo a livello mondiale di Cisco e l’AD di Cisco Italia Agostino Santoni si sono ritrovati per discutere dei punti già realizzati. Risultato: nell’area ora è presente una infrastruttura tecnologica digitale, protetta dalle più moderne soluzioni per la cybersecurity, pervasa da connettività a larga banda, wired e wireless, e corredata da una potente piattaforma tecnologica in cloud completamente orchestrata e virtualizzata. Nasce quindi un “laboratorio a cielo aperto” per l’innovazione, ispirato a esperienze internazionali di successo, a disposizione di imprese, startup e cittadini per sviluppare e proporre soluzioni, campagne, collaborazioni e servizi digitali a qualsiasi tipologia di target: cittadini, turisti, imprese,  amministrazioni locali. L’infrastruttura si trova nel centro della città, nel cuore del cosiddetto “Percorso Arabo Normanno”, patrimonio riconosciuto da Unesco.

L’accordo prevedeva lo sviluppo di tre filoni di attività rispettivamente legati alla formazione, alle tecnologie smart city ed al supporto per lo sviluppo territoriale e le startup. In questi mesi si è lavorato intensamente e adesso è stato possibile annunciare il debutto dell’infrastruttura tecnologica digitale. Sono state già realizzate alcune attività di stimolo congiunte: un primo esempio concreto è l’utilizzo della soluzione AppTripper, un’app innovativa per il turismo, ideata dalla omonima startup e sviluppata con il sostegno di Cisco. Questa app consente di creare dei percorsi turistici “emozionali” per scoprire luoghi noti e meno noti di Palermo seguendo il filo conduttore dell’emozione. I contenuti dell’app sono stati sviluppati con il contributo di un’esperta di arte e cultura palermitana.

Startup, cosa fa e come funziona AppTripper

“Siamo veramente soddisfatti di quanto abbiamo realizzato in questi mesi e del rapporto di collaborazione efficace che si è instaurato con il comune di Palermo e con tutti coloro che sono stati coinvolti nelle diverse iniziative” ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Cisco Italia, Agostino Santoni.  “Il nostro direttore operativo Rebecca Jacoby è la principale sostenitrice del piano di investimenti Digitaliani che ha reso possibile l’accordo con il Comune: portarla qui è un modo per farle vedere in prima persona ciò di cui legge quando le riportiamo gli avanzamenti dei nostri progetti. È una conferma di quanto Cisco crede nelle potenzialità del Sud e di tutta l’Italia”.

Competenze digitali e innovazione

L’impegno per lo sviluppo del Living Lab, creato congiuntamente  dalla  società del Comune di Palermo

Veduta di Palermo
SISPI, da Cisco e da Italtel, in collaborazione  con l’Università di Palermo, si è accompagnato ad altre iniziative rivolte alla formazione ed al sostegno delle idee innovative.

Competenze digitali  –  In questi primi sei mesi si è rafforzata in modo molto significativo la presenza del Programma Cisco Networking Academy nelle scuole.  Sono stati organizzati numerosi eventi per promuovere l’iniziativa, che offre percorsi di formazione dedicati alle tecnologie di maggiore interesse oggi quali ad esempio l’Internet delle Cose e la cybersecurity. Si è lavorato sia con le scuole superiori che con le scuole medie, con il risultato che gli studenti iscritti ai corsi Networking Academy sono decuplicati nell’area di Palermo ed in tutta la Sicilia. Al momento il numero totale è di circa 8.500.

Innovazione – L’attenzione ai giovani si esplica anche nel sostegno ad iniziative locali a loro rivolte, in particolare per offrire l’opportunità di valorizzare idee e talenti. Come prima azione in tal senso,  Cisco ha partecipato all’edizione 2016/2017 del Festival dell’Ingegno, organizzata dal Comune di Palermo, alla ricerca di progetti da stimolare proprio grazie al “Living Lab” per la smart city creato in città.   Cisco ha selezionato la proposta presentata da tre studenti dell’Istituto Tecnico Settore Tecnologico “Vittorio Emanuele III” di Palermo. L’azienda affiancherà i ragazzi in varie iniziative, tra cui quella principale sarà quella di invitarli alla prossima edizione del Cisco Live EMEA, il più importante evento che Cisco organizza sul suolo europeo, previsto a gennaio 2018 a Barcellona. In tale occasione i ragazzi potranno confrontarsi con centinaia di sviluppatori che aderiscono al programma Cisco DevNet.

Per il futuro sono allo studio diversi progetti. In particolare, in questi giorni Cisco sta avviando una collaborazione con l’Università di Palermo sul tema della didattica digitale, tramite l’utilizzo di strumenti innovativi per la collaborazione online come la nuovissima Cisco Spark Board.

 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale