Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Descrizione del livestream!

Digital360 Awards Story

Parquery, il parcheggio smart di un italiano a Zurigo

di Concetta Desando

16 Dic 2016

Andrea Fossati ha ideato un sistema intelligente di rilevazione degli spazi dove parcheggiare, già adottato dalla città di Locarno, con il quale vuole entrare su un mercato che in Europa e America del Nord raggiungerà i 43 miliardi nel 2025. «La Svizzera? Meglio dell’Italia per chi vuole innovare», dice il founder

Andrea Fossati, founder di Parquery
“Io non avevo certo l’idea o il sogno di fare l’imprenditore. Volevo solo portare l’astratto mondo accademico nella pratica vita quotidiana”. Così Andrea Fossati spiega perché ha ideato Parquery, un sistema di parcheggio intelligente che fornisce informazioni in tempo reale sull’occupazione dei parcheggi lungo le vie cittadine, per mezzo di algoritmi software di visione artificiale.

Progetto che ha vinto i Digital360Awards l’evento organizzato da Digital 360 dedicato ai fornitori hi-tech di imprese e PA in ambito business. “Un ulteriore stimolo a continuare su questa strada” dice il giovane imprenditore. Come se non bastassero i numeri di mercato a giustificare la sua scelta: secondo i dati di Frost & Sullivan, infatti, lo smart parking in Europa e in America del Nord ha un valore di 7 miliardi di dollari e raggiungerà i 43 miliardi nel 2025.


 

 

Guarda la presentazione di Parquery ai Digital360 Awards

Un mercato in crescita, dunque, nel quale Fossati vuole giocare la sua partita con Parquery. Nato a Legnano 35 anni fa, Andrea Fossati vive in Italia fino al 2005, anno in cui consegue la laurea in ingegneria informatica al Politecnico di Milano. Poi si trasferisce a Losanna per seguire un dottorato in visione artificiale e, nel 2010, segue un post-dottorato al politecnico di Zurigo.

Digital360 Awards, startup (e non solo) per far crescere il business: TUTTI I PROGETTI PREMIATI

“Correva l’anno 2014: la finestra dell’aula nella quale mi trovavo al politecnico dava sul parcheggio dell’ospedale universitario. Con la collega Angela Yao, canadese, abbiamo iniziato a parlare del via vai di macchine quotidiano e delle numerose multe che affliggevano i poveri autisti. Da lì è nata l’idea di trovare una soluzione pratica al problema, utilizzando ciò di cui siamo esperti: l’intelligenza artificiale” racconta Fossati.

►  Digital360 Awards, la conferma dell’innovazione possibile

Idea che non tarda a concretizzarsi. “Perché in Svizzera c’è una forte spinta alla nascita di nuove imprese da parte degli ambienti universitari e dei professori, rispetto all’Italia qui c’è una

Il team di Parquery
grande sensibilità all’innovazione. Ogni anno dal Politecnico di Zurigo nascono circa 20 spinoff; e anche Parquery è nata così: siamo uno spinoff del Politecnico che ci ha messo subito a disposizione 150mila franchi per approfondire il progetto. Poi abbiamo ricevuto altri 150mila euro dal fondo di ricerca europeo per lanciare i risultati della ricerca sul mercato”.

QUI PUOI VEDERE LE VIDEO INTERVISTE AI FINALISTI DEI DIGITAL 360 AWARDS

Un mercato che per risolvere il problema del parcheggio si è sempre basato su una soluzione standard: “Di solito vengono utilizzati sensori da installare in ogni singolo parcheggio; una soluzione costosa e complicata, visto che entrano in gioco batterie da installare e cambiare quando sono scariche” spiega l’imprenditore. “Parquery, invece, utilizza algoritmi software di visione artificiale e machine learning per estrarre informazioni di occupazione dei parcheggi e durata della sosta a partire da sequenze di immagini statiche. Queste immagini, provenienti da telecamere già esistenti o installate ad-hoc, vengono inviate ad una frequenza prestabilita, ad esempio un’immagine al minuto, al server cloud di Parquery dove vengono automaticamente analizzate. I risultati dell’analisi sono poi disponibili in tempo reale sotto forma di API e possono essere visualizzati in piattaforme software, app per smartphone, pannelli LED o direttamente in sistemi di navigazione assistita” spiega.

Ecco come funziona Parquery:

Il sistema è stato adottato nella città di Locarno, ma Parquery ha clienti anche in Italia, fra i quali la Project Automation di Monza e Ital Data di Avellino, società di si occupano di monitoraggio ambientale e smart city.

Oggi Fossati è affiancato da 6 persone, 4 dipendenti e due stagisti. Un team che è già a caccia di investimenti per realizzare nuovi progetti: “cerchiamo 600mila franchi per cercare soluzioni per le smart city, in modo particolare soluzioni dedicate al monitoraggio del tipo di traffico cittadino e dell’occupazione dei mezzi pubblici, per capire quante persone salgono a bordo di un treno, quanti e chi preferiscono il pullman e così via”.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network