Privacy, tutto quello che le startup devono sapere sulla GDPR | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

STARTUPBUSINESS

Privacy, tutto quello che le startup devono sapere sulla GDPR

06 Dic 2017

Dal registro dei trattamenti alla valutazione dell’impatto, passando per la sicurezza. Ecco una guida per conoscere i dettagli della direttiva sul trattamento dei dati personali, che sarà ufficialmente in vigore a maggio 2018

Novità in arrivo nel 2018 per le startup europee. Una di queste riguarda il via al Regolamento Europeo in materia di protezioni di dati personali n.2016/679 (detta GDPR). Il Regolamento, entrato in vigore il 24 maggio 2016, sarà direttamente applicabile in tutti gli Stati Membri a partire dal 25 maggio 2018.

Vediamo di cosa si tratta. Alla GDPR saranno soggetti i trattamenti di dati personali effettuati da un titolare o da un responsabile con sede nell’Unione Europea, oltre che (elemento di assoluta novità) i trattamenti di dati personali posti in essere da un titolare o da un responsabile non stabilito nell’Unione, qualora essi riguardino l’offerta di beni o servizi o il monitoraggio di comportamenti di interessati che si trovano nel territorio dell’Unione.

Non essendo state previste esclusioni dall’applicabilità del Regolamento europeo sulla base della dimensione delle aziende, fatta eccezione per il registro dei trattamenti (art. 30 del GDPR), né tantomeno in relazione alla loro maturità, questo regolamento interesserà anche le startup.

Il sito Startupbusiness sta realizzando una guida per capire tutto sulla GDPR per startup. In questo articolo si possono scoprire cinque cose da sapere sulla GDPR per startup; mentre in questo approfondimento viene affrontato il tema del registro dei trattamenti.

  • 10 Share

Articoli correlati