Survey Innovation Osserrvatori Digital Innovation: il 29 novembre il convegno
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUP INTELLIGENCE

Innovazione digitale, le sfide: il 29 novembre il convegno degli Osservatori Digital Innovation

di Alessandra Luksch

02 Nov 2018

Gestire l’innovazione digitale non è un processo semplice, soprattutto per gli incumbent. Tra le principali difficoltà la sindrome del “not invented here” o del “si è sempre fatto così”. Lo evidenzia la Survey Innovation degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano che sarà presentata al Campus Bovisa

La trasformazione digitale è ormai entrata nel quotidiano di ognuno di noi. La pervasività e profondità del fenomeno non risparmiano nessuno e la reazione frequente è di preoccupazione e ansia verso gli effetti imprevedibili e dirompenti, dimostrati da tanti casi – da Amazon a Airbnb per citare solo i più noti.

Siamo di fronte alla quarta rivoluzione industriale e, se fossimo migliori conoscitori della storia, sapremmo che ogni volta, nei precedenti casi, da un lato chi ha saputo cogliere il cambiamento ne è uscito vincitore, dall’altro la “mano invisibile” ha riportato col tempo un soddisfacente equilibrio tra nuovi bisogni e nuove opportunità.

Tuttavia gestire l’innovazione digitale non è un processo semplice, soprattutto per gli incumbent, anzi si tratta di un percorso costellato di sfide, soprattutto interne. La principale difficoltà per chi si occupa di innovazione digitale nelle imprese è la cultura prevalente in azienda, la sindrome del “not invented here”, o ancora peggio del “si è sempre fatto così”.

È quanto emerge dalla recente Survey Innovation degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano i cui risultati saranno presentati il prossimo 29 novembre nell’Aula magna Carassa e Dadda al Campus Bovisa del Politecnico.

Le imprese più lungimiranti si stanno attrezzando per affrontare le sfide dell’innovazione digitale: a livello nazionale circa un quarto ha introdotto nella propria struttura organizzativa un’unità dedicata. Si tratta tuttavia di un processo assai giovane, circa i due terzi ha creato questa unità solo negli ultimi due anni. E come Osservatori stiamo seguendo il fenomeno da vicino e dall’inizio, in particolare con l’Osservatorio Startup Intelligence.

Il percorso verso una gestione efficace dell’innovazione digitale significa anche superare i limiti dei modelli tradizionali, verso approcci più aperti che consentano di sfruttare l’ecosistema – in primis le startup – e verso approcci più partecipativi per cogliere la creatività e l’imprenditorialità diffuse nelle organizzazioni. Ma il percorso prevede anche una drastica revisione degli stili di leadership e delle modalità di valutazione delle performance.

Di tutto questo parleremo il 29 novembre al Convegno “Imprese e startup nel vortice della trasformazione digitale: alla ricerca dell’innovazione”, al Politecnico di Milano.

Vi aspettiamo!

Alessandra Luksch

Direttore dell'Osservatorio Startup Intelligence degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano

Articoli correlati