Competence Center: 10 milioni dal Mise al nuovo centro del Politecnico di Milano
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INDUSTRIA 4.0

Competence Center: 10 milioni dal Mise al nuovo centro del Politecnico di Milano



Dal Ministero dello Sviluppo Economico arriva il finanziamento per Made, centro di competenza del Polimi per l’Industria 4.0. L’apertura prevista per settembre 2019. Nel campus presenti molte realtà innovative come PoliHub. “Un premio all’impegno profuso” dice Marco Taisch, presidente del Made

03 Mag 2019


Per MADE, il Competence Center guidato dal Politecnico di Milano che sarà attivo da settembre 2019, arrivano 10 milioni e 590mila euro di finanziamento dal MISE. È il primo dei centri ad essere oggetto del decreto di concessione del finanziamento ministeriale, insieme a Genova CNR.  Il centro sorgerà nell’area del Campus Bovisa-Durando del Politecnico, su una superficie di oltre 2000 mq e conta già 39 partner tecnologici. Gli utenti dei centri di competenza avranno a disposizione il meglio delle tecnologie digitali per l’industria 4.0 per fare formazione e training e per avviare progetti di trasferimento tecnologico.

Competence Center: cosa sono e come funzionano

I Competence Center, ideati nell’ambito del piano Industria 4.0 lanciato dal governo Renzi,  sono realtà che fanno riferimento ad alcune università italiane con l’obiettivo di intensificare le relazioni tra ricerca e industria. Università e aziende sono poco abituate a interagire e i centri puntano a incentivare questo tipo di collaborazione: selezionati su livello nazionale, coinvolgono poli universitari di eccellenza e grandi player privati, con il contributo di stakeholder chiave (centri di ricerca, startup etc.) e possono contare su finanziamenti da parte del governo. I Competence Center hanno come obiettivi: fare formazione e awareness sull’Industria 4.0, live demo sulle nuove tecnologie e accesso a best practice sempre nell’ambito della quarta rivoluzione industriale; offrire advisory tecnologica per le piccole e medie imprese su Industry 4.0; lanciare ed accelerare progetti innovativi e di sviluppo tecnologico; supportare la sperimentazione e la produzione di nuove tecnologie; collaborare con centri di competenza a livello europeo.

MADE: il Competence Center guidato dal Politecnico di Milano

“Essere i primi a ricevere le risorse del MISE è un premio per l’impegno profuso da parte di tutti i partner per la costituzione di MADE”, commenta Marco Taisch, presidente di MADE. I numeri di MADE parlano chiaro: 39 imprese (provider tecnologici, consulenti, integratori di sistema, esperti della formazione, Inail e le Università di Bergamo, Brescia e Pavia) e circa 22 milioni di euro di finanziamento triennale complessivo (quasi 11 dal Ministero dello Sviluppo Economico e 11 da privati), di cui 14 per attrezzature e personale, e 8 per progetti di ricerca applicata e trasferimento tecnologico.

Un centro per l’Industria 4.0

Il nuovo centro, che avrà sede nel Campus Bovisa-Durando del Politecnico di Milano, occuperà una superficie prevista di oltre 2000 metri quadri e sarà attivo a partire da settembre 2019. Il Campus assicurerà un contesto particolarmente favorevole all’espansione di MADE, data la presenza di importanti realtà dedicate all’innovazione, come PoliHub, l’acceleratore dell’ateneo milanese che ospita 113 realtà imprenditoriali e la Joint Platform del Politecnico di Milano con la Tsinghua University di Pechino. Gli utenti davranno a disposizione le più recenti tecnologie digitali per l’industria manifatturiera, organizzate in 15 isole multi-funzionali: si potrà, ad esempio, comprendere come la realtà aumentata possa essere utilizzata in fase di progettazione o per supportare in remoto la manutenzione degli impianti e sarà possibile verificare come la robotica collaborativa possa aiutare nei processi di assemblaggio. Il monitoraggio degli impianti e l’analisi dei dati usando tecnologie Big Data e di Cyber-security, saranno presentati come soluzioni per consentire di ridurre i consumi energetici e migliorare la qualità e le prestazioni degli impianti. Il lean manufacturing e la movimentazione interna troveranno infine spazio come abilitatori della fabbrica del futuro. L’obiettivo è raggiungere in tre anni più di 10.000 persone attraverso attività di informazione e divulgazione sulle potenzialità delle tecnologie digitali, erogare più di 41.000 ore‐uomo di formazione, sviluppare più di 410 progetti e 200 assessment digitali coinvolgendo circa 15.000 aziende italiane, di cui l’80% rappresentato da PMI, che saranno contattate una volta costituito il Competence Center. “Abbiamo svolto tutte le pratiche necessarie nel minor tempo possibile, a testimonianza del valore strategico che l’ateneo assegna al tema dell’industria 4.0” commenta il presidente di MADE, ” Ora, i lavori di ristrutturazione dello stabile in cui sorgerà il Competence Center sono in fase di avvio, mentre la progettazione degli use case che saranno trattati nel centro sono in stato avanzato”.

Carolina Merlo

Junior Community Manager & Web Editor