Rome Maker Faire, vince MakeTank

Sul palco del Palazzo dei Congressi di Roma è la volta del business che può nascere anche da un hobby. Alla sfida Techgarage partecipano in 18 e ha la meglio il sito nato a Firenze per offrire un canale di vendita a tutti i makers che usano le nuove tecnologie digitali

Start up

di Federica Ricca

Il look ideale per la Maker faire secondo MakeTank, la start up che ha vinto il TechGarageIl look ideale per la Maker faire secondo MakeTank, la start up che ha vinto il TechGarageLa parola chiave della seconda giornata (venerdì 4)  della prima Maker Faire europea è “business”. Sul palco del Palazzo dei congressi di Roma si tiene la sfida Techgarage, che vede protagoniste 18 startup nate grazie alla visione di altrettanti makers. Prima però, esperti del settore spiegano come rendere il proprio hobby una fonte di profitto. Vista la cornice, si parla anche di made in Italy, di come queste passioni per la creatività possano essere integrate con la manifattura locale, per trasformarle in prodotto interno lordo e occupazione.

Così, il professore Stefano Micelli dell’università di Venezia spiega al pubblico di makers che le piccole e grandi aziende di made in Italy sono piene di questi speciali artigiani. Le chiavi del successo sono puntare sulla varietà e non sulla standardizzazione, personalizzare e basare la legittimazione aziendale sulla reputazione piuttosto che sulla pubblicità del prodotto. E poi, soprattutto, per diventare maker di successo bisogna pensare in grande e sfruttare le possibilità che la rete offre. Cosi si arriverà a ripensare anche i negozi, che devono diventare, secondo Micelli, spazi in cui si crea, in cui si fanno le cose e non si comprano soltanto.

La Maker Faire si trasforma poi in una sfida tra idee. In 5 alla volta, le start up selezionate - quasi tutte italiane - salgono sul palco ed espongono la loro idea. Hanno 5 minuti a testa per convincere il pubblico che poi è chiamato a votare la preferita in diretta. Tutte sono realtà emergenti, che aspettano e cercano finanziamenti per fare un importante passo avanti. Tutte sono persone che si reinventano, alcuni dopo anni di lavoro in aziende multinazionali.

Tra le 18 in gara, il premio Techgarage lo vince MakeTank, presentata da Laura De Benedetto. Si tratta di una start up nata un anno fa a Firenze che cerca e sogna di rendere i makers di tutto il mondo degli imprenditori di se stessi. MakeTank propone un canale commerciale e promozionale a cui si accede gratis. E pubblica anche un magazine bilingue. Disponibile da febbraio 2013, il sito per ora propone sul mercato 350 oggetti. Le prime vendite sono arrivate già ad aprile. Sono tutte creazioni di makers che sfruttano le nuove tecnologie come le stampanti in 3D o il taglio laser. Per ora, assicurare Laura, vendono più all’estero che in Italia, ma la voglia di aiutare realmente questi artigiani del XXI secolo potrebbe portarli lontani.

Articoli Correlati

I makers conquistano anche Intel

Innovazione

A Roma la prima Fiera europea dei maker

Appuntamenti