I 10 negozi più innovativi del mondo

Una bottega in cui puoi dormire, un hamburger con le royalty, un computer che dispensa profumi: ecco le migliori idee nel campo della vendita al dettaglio secondo Kiki Lab, il centro italiano di consulenza e ricerca sul retail con clienti come Eataly, McDonald’s e L’Oréal

La classifica

di Ferdinando Cotugno

Un hamburger con le royalty, un negozio in cui puoi anche restare a dormire, un computer che dispensa profumi: all’innovazione nel campo della vendita servono idee, e queste sono le migliori in giro per il mondo secondo Kiki Lab, il centro italiano di consulenza e ricerca sul retail con clienti come Eataly, McDonald’s e L’Oréal.

4Food



«De-junking fast food» è il loro motto. Ma prodotti di qualità non bastano: ormai in tanti li possono offrire ai clienti. Ma questo ristorante di hamburger di New York ha così tanti tipi di pane, carne e salse che con i suoi ingredienti si possono ottenere 140 milioni di combinazioni possibili. Se riesci a crearne una nuova, la puoi brandizzare col tuo nome, condividerla sui social network anche usando i dispositivi del locale e guadagnare le royalty (25 cent di sconto) ogni volta che qualcuno in futuro la ordina.

Burberry



Londra, Regent Street, in un edificio del 1820 c’è il negozio più tecnologicamente avanzato della catena Burberry, praticamente una versione dal vivo del loro sito Web. Una galleria digitale, 500 altoparlanti, 100 schermi che parlano e comunicano con il consumatore, un misto di informazione e pubblicità emotiva a getto continuo. Anche gli specchi dei camerini possono trasformarsi istantaneamente in schermi che trasmettono immagini e video dei prodotti o il livestreaming degli eventi nel negozio. Le app sugli iPad in giro per il negozio permettono ai venditori di personalizzare l’esperienza del cliente, raccogliere e richiamare le loro preferenze e le loro taglie.

DM



Negozio di prodotti beauty tedesco dove l’innovazione passa dai dettagli e dall’idea di rendere l’esperienza delle consumatrici piacevole a 360 gradi; pulsanti per far aprire una cassa se le code si allungano, lenti di ingrandimento sui carrelli per facilitare la lettura delle etichette, uno spazio pensato apposta per permettere alle ragazzine di provare i primi trucchi e un altro per le agevolare le mamme in visita nel cambio pannolini.

Graanmarkt 13

Siamo ad Anversa, in Belgio: Graanmartk 13 è un ristorante, un negozio, una galleria d’arte e un appartamento. Tutto sotto lo stesso tetto, dal piano terra al terzo piano. Il ristorante è guidato da uno chef e fa solo ricercati piatti bio o km zero, la boutique vende capi unici di alta moda, oggetti di design o da collezione, l’appartamento li espone come se fosse la casa privata di qualcuno, la galleria attrae pubblico ospitando mostre ed eventi. E nell’appartamento presto si potrà anche alloggiare.

Arcimbo

Arcimbo è un marchio gourmet di Auchan per vendere prodotti freschi (frutta, verdura, carne, formaggio) basato sul concetto di «drive», che in Francia, dove ha aperto Arcimbo, sta avendo da qualche anno molto successo. Drive vuol dire ordinare online e ritirare in magazzino. Il 20% dei francesi lo usa. Auchan ha provato a sposare questa idea con prodotti di fascia alta, locali e dal territorio. Un’evoluzione del modello Eataly, insomma. Con un richiamo all’Italia: il nome abbrevia quello del pittore Giuseppe Arcimboldo. Prodotti freschi, biologici, km zero, con il criterio delle 4 B’ Bon, Beau, Bien e Bienveillant: gusto, bello, buono, attento. Si può ordinare online e ritirare in negozio o farsi portare la spesa a domicilio.

Etnia

Qui la parola chiave è multisensoriale. Etnia è una catena di prodotti beauty spagnola che, tra gli altri servizi, ha progettato un tavolo sensoriale per provarsi i profumi. Attraverso una selezione digitale, il tavolo permette alle clienti selezionare e combinare i profumi e le fragranze, mentre sullo schermo appaiono la composizione e le caratteristiche del prodotto.

Angry Birds

Aeroporto di Doha, nel Qatar. Una donna velata gioca nel corner retail di Angry Birds, il videogioco finlandese per smartphone e tablet. I creatori sono partiti dall’esigenza di monetizzare il prodotto a prescindere dai download del gioco e hanno aperto dei corner negli aeroporti (primo, ovviamente, quello di Helsinki) nei quali vendono peluche e accessori, fanno co-marketing (a Doha con la cioccolata di Fazer) e soprattutto permettono di giocare in un habitat che richiama quello del videogame.

Leclerc

Nel nuovo format aperto nel centro commerciale chic di So Ouest, l’assortimento di Leclerc assume dimensioni quasi paradossali: il vino più economico costa 1,90, il più caro 7mila, il tutto in una cantina piena di eventi eno-gastronomici e soprattutto con un sommelier a disposizione per guidare i clienti nella scelta, a prescindere dal loro budget.

Warby

Warby è un negozio di occhiali di alta gamma nato per la vendita on-line che è sbarcato nel mondo del retail fisico grazie al Warby - Bus, un autobus-negozio che gira gli Stati Uniti per portare i suoi prodotti, pregiati ma accessibili, direttamente ai consumatori, che possono seguire il viaggio sul Web.

Acuitis

Prodotti per migliorare la vista in vendita insieme a prodotti per migliorare l’udito. Questa catena francese ha trovato un modo per creare un nuovo format basato su un dato demografico: la popolazione invecchia, ci sono nuovi bisogni, servono nuove formule. Il cosiddetto aging retail.

Articoli Correlati

Retail e innovazione, non è solo questione di tecnologia

L'intervista

Così i negozi fisici rinascono grazie al web

Retail

Tacatì

Tacatì, la spesa online a km 0 da un milione di euro

Investimenti